Mondadori Store

Trova Mondadori Store

Benvenuto
Accedi o registrati

lista preferiti

Per utilizzare la funzione prodotti desiderati devi accedere o registrarti

Vai al carrello
 prodotti nel carrello

Totale  articoli

0,00 € IVA Inclusa

Da qualche parte starò fermo ad aspettare te

Lorenza Stroppa
pubblicato da Mondadori

Prezzo online:
17,10
18,00
-5 %
18,00
Disponibilità immediata. la disponibilità è espressa in giorni lavorativi e fa riferimento ad un singolo pezzo
34 punti carta PAYBACK
Prodotto acquistabile con Carta del Docente e 18App

Diego non è un tipo da traguardi convenzionali, non cerca certezze, tantomeno relazioni stabili. Vicino ai quarant'anni, vive insieme alla gatta Mercedes in una mansarda vista laguna a Venezia e colleziona avventure senza troppi pensieri. La sua grande passione da sempre sono i libri e le parole, e ne ha anche fatto una professione: lavora come editor in una casa editrice. Per questo quando un giorno, mentre sta facendo la spesa al supermercato, trova per terra un'agenda, non può che rimanere colpito da ciò che vi è scritto. L'agenda appartiene a una certa Giulia Moro, che vi ha appuntato una singolare "to do list", una lista di cose da fare che a un certo punto si interrompe misteriosamente. Incuriosito, Diego si mette sulle tracce di Giulia, pittrice di talento ma tormentata da un dolore che le impedisce di utilizzare il rosso - il colore del sangue, del fuoco, del cuore - nei suoi quadri. Diego si fa trovare, apparentemente per caso, nei luoghi indicati nell'agenda di Giulia: quando i due si parlano per la prima volta, tra loro scatta un'immediata attrazione. Ma Diego pensa di essere troppo inaffidabile per riuscire ad amare, e per Giulia l'amore non rientra affatto nella sua "to do list"... Lorenza Stroppa attraverso le voci alternate dei due personaggi ci conduce nei vicoli e nelle strade fatte d'acqua di una Venezia intrigante e luminosa, lontanissima dai cliché turistici, e delinea una mappa non solo geografica ma sentimentale: riusciranno parole e colori a trovare il linguaggio dell'amore?

Dettagli

Generi Romanzi e Letterature » Romanzi italiani

Editore Mondadori

Collana Narrative

Formato Brossura

Pubblicato 11/02/2020

Pagine 288

Lingua Italiano

Isbn o codice id 9788804721970

2 recensioni dei lettori  media voto 5  su  5
Scrivi una recensione
5 star
2
4 star
0
3 star
0
2 star
0
1 star
0
Da qualche parte starò fermo ad aspettare te rosalba_g

-

voto 5 su 5 Recensione a cura del blog LiberiLeggendo "Di che colore è il vento?" Può sembrare strano ma già da questa prima frase ho capito che il romanzo mi avrebbe fatto tremare il cuore. Una storia intensa, che entra dentro senza neanche rendercene conto e ci scompiglia l'anima. Diego e Giulia sono i personaggi principali, molto diversi, ognuno con i propri problemi.  Diego a quasi quarant'anni si ritrova a vivere da solo, insieme alla sua gatta, con nessuna intenzione di mettere la testa a posto. Non vuole assolutamente legami seri, preferisce di gran lunga stare libero. Lavora come editor per una casa editrice, ama tantissimo leggere. E' un tipo di poche parole, difficile capire il suo carattere, non dimostra facilmente quello che sente. "Non mi sono mai fermato, non ho mai messo radici, non ho neppure provato a conoscere abbastanza una donna da imbastire con lei una relazione seria. Non fa per me, io non sono il tipo da grandi traguardi, da certezze, da figli." Un giorno, in un supermercato, trova un'agenda che appartiene a Giulia Moro. Quando comincia a sfogliarla, capisce sin da subito che lei non è una persona come le altre, appunta tutto quello che deve fare, ma il particolare che lo colpisce di più è che i suoi impegni, in realtà corrispondono ad una lista di cose da fare fino ad un giorno segnato più volte . In quella data finisce l'elenco. Questo lo incuriosisce molto e decide di scoprire chi è Giulia. Non è difficile trovarla, perchè Giulia è una pittrice ed ha anche uno studio dove dipinge e vende quadri. Così, come fosse un caso, lui la conosce, e scopre che è una donna molto bella, ma anche molto distaccata.  Giulia ama tantissimo dipingere, quando è davanti a una tela, lei vola, come i gabbiani nel cielo. Solo il rosso non utilizza più, un colore che ha diversi significati, passione, amore, sangue. Un colore che appartiene a un giorno in cui la sua anima è stata distrutta insieme al suo cuore, un giorno in cui il dolore è stato talmente grande da non poterlo contenere. Un dolore che ancora adesso, a distanza di anni, continua a portarsi dentro e continua a logorarla.  Quando Giulia conosce Guido, non pensa assolutamente ad una relazione con lui, è solo un cliente. Eppure continua ad incontrarlo per caso, in tutti i posti dove va lei. Piano piano tra i due nasce un'amicizia, ma Giulia è rotta, non pensa di poter mai avere qualcuno da amare nella sua vita. Guido, dal canto suo, non vuole complicazioni, sta bene così com'è, allora perchè con Giulia si sente diverso? Perchè la pensa sempre? Un sentimento si insinua tra questi due personaggi, diversi ma con una solitudine dentro che distrugge solo a pensarlo. Guido ha una famiglia che spesso lo soffoca e non lo comprende, nessuno mai è stato in grado di leggergli dentro, ma Giulia sembra vedere oltre, e questo lo spaventa. L'autrice ci fa amare anche l'ambientazione, impossibile non essere conquistati dalla città di Venezia, con le descrizioni minuziose e i paesaggi facili da immaginare, e con la scrittura che definirei poetica. Una storia che ci porta alla vita reale, al fatto che una tragedia può cambiare tutto, che può fare inginocchiare, ma ci fa capire anche che niente succede per caso, che forse ci si può rialzare e andare avanti nonostante tutto. Eppure una domanda mi ha accompagnato per tutta la lettura: Quanto dolore può sopportare una persona? Non sono riuscita a darmi una risposta, perchè forse non ce n'è, eppure Giulia ci dimostra che c'è una forza dentro di noi che va oltre l'immaginabile. Mi sono emozionata e, in molte occasioni, ho avuto il magone, questo e molto altro trasmette il romanzo. Lo consiglio assolutamente. "Quante volte possiamo romperci e ricostruirci? Anche se fuori sembra tutto a posto, riparato, in realtà le crepe restano dentro, invisibili, sono come delle cicatrici mai del tutto rimarginate che, al minimo tremolio, minacciano di riaprirsi."
Da qualche parte starò fermo ad aspettare te tracyblu

-

voto 5 su 5 Dirò un'unica cosa al riguardo, di questo libro: la lettura perfetta! Cos'è la lettura perfetta? E' quella sorta di viaggio che ti offre un libro quando, ti si avvicina come una piccola zattera sull'oceano, ti invita a salirci e poi parte all'avventura. Questa può essere calma, tranquilla, oppure appena traballante o trasformarmi in una tempesta impetuosa che ti scuote, facendoti affondare o sopravvivere. Di certo però è un viaggio che ricorderai, non potrà lasciarti indifferente. E questo mi è capitato leggendo la storia di Diego e Giulia: ne sono rimasta affascinata. Partiamo da Diego: l'uomo delle parole, quello che colleziona suoni, vergati con minuzia in tanti piccoli quaderni. Ama le parole - fa l'editor nella vita - e si diverte a farsele scivolare sulla lingua, come una caramella, indugiando sul sapore e sulla scorrevolezza. Parte da piccole perle come 'serendipità', passando per 'melancolia', fino a scomodare anche locuzioni greche, che tanto si incastrano perfettamente nella vita di tutti i giorni. E poi c'è lei, Giulia, un'anima distratta dalla vita e dal passato, dalla tristezza che la invade facendole dimenticare anche di mangiare, coinvolgendola nel mondo dei colori. Dipinge Giulia, ma con quella intensità che vi farà rabbrividire. La mescola dei colori, delle grane, delle densità, ve la fa avvertire sulla pelle. Sono complicati i colori, così come sono complicati i sentimenti a cui sono legati: dalla profondità e turbolenza del blu, alla sfumatura grezza dell'ocra; dall'assenza (o troppo presenza) del nero, al dolore e scuotimento del rosso. Profumano i suoi colori, così come profumano le parole di Diego: due modi diversi di vivere la vita, che sembra quasi farla scivolare senza lasciare traccia. Ma le tracce ci sono, lì, presenti, graffianti, tracciano solchi nella mente e nel cuore, scuotono, fanno palpitare, fanno pensare e soprattutto, fanno soffrire.

Accedi o Registrati  per aggiungere una recensione

usa questo box per dare una valutazione all'articolo: leggi le linee guida
torna su Torna in cima