Mondadori Store

Trova Mondadori Store

Benvenuto
Accedi o registrati

lista preferiti

Per utilizzare la funzione prodotti desiderati devi accedere o registrarti

Vai al carrello
 prodotti nel carrello

Totale  articoli

0,00 € IVA Inclusa

"Ragionando di Politica, Costume e Trascendente, l'EROS SAFFICO erompe nei suoi toni più disinibiti e fantasiosi". Ecco, in breve, cos'è la Saga «Dal Cappello di Gia». A tinte molto spudorate, vi si narra un sesso sempre gioioso, giocoso, e talvolta persino chimerico. Nelle vicende, tutti i personaggi - donne - si muovono nell'invenzione di un empireo saffico costellato da conturbanti giochi moderatamente sadomaso dal potente profilo erotico, mai violenti ma consensuali e condivisi, dove ogni brama è esaudita in una fitta coltre di beatitudine priva d'ogni elogio dell'abuso o della crudeltà. Sono le vicende ludico-amorose che Gia Van Rollenoof trae fuori dal suo cappello per narrarle in questo corposo 1° atto denso di Eros saffico. Fieramente lesbica, per promuovere i suoi romanzi, e anche per stabilire delle "affettuose" amicizie femminili, lei è dedita a chattare sul web; ed è proprio dalla chat, che nasceranno le vicende amorose che la vedranno interprete in un lascivo rapporto poliamoroso insieme a una focosa femmina venezuelana e quattro giovani ragazze. Sebbene i diversi atti della Saga siano concatenati, ciascuna parte è narrata nel suo completo svolgersi; inoltre, in ogni successivo atto è riportato un breve sunto di quelli che l'hanno preceduto. Chi è Gia? Affascinante over-trenta veneziana, per meglio esprimere la propria creatività intorno all'Eros, da artista fotografa lei ha poi scelto la scrittura. Discepola di Saffo, l'eclettica protagonista è costantemente protesa all'appagamento delle proprie pulsioni, piuttosto volte al piacere che non al sentimento. Visionaria, dalla conturbante femminilità e molto licenziosa, di là delle proprie impellenze libidiche sono presenti in lei dei precisi contorni morali non viziati dal pregiudizio; infatti, pur non impegnata politicamente, dall'animo libero e per nulla condiscendente, sovente lei si scaglia in fondate, veementi filippiche verso l'iniquità sociale, l'esercizio di poteri ingiusti e la corruzione dilagante. Riguardo al sesso, nella Saga vi è un costante volo d'esagerata fantasia, dove il corpo femminile è mitizzato come fonte inestinguibile di diletti sessuali, dalla libido mai paga, e dalla sovrumana resistenza ai reiterati amplessi e fustigazioni erotiche: è chiaro trattarsi sostanzialmente d'invenzioni con funzione catartica. Per definire in breve la Saga, si potrebbe dire trattarsi di una favola dove, in maniera irreale, l'amore e il sesso sono messi a nudo nella loro dimensione prettamente pulsionale, spogli di ogni tediante quanto pletorica implicazione emotiva, e raccontati in modo esplicito nella loro gratificante essenzialità erotica. Benché la narrazione non manchi d'entrare sovente in temi meno leggeri, si tratta essenzialmente di una FIABA PER ADULTI che, priva di sofismi introspettivi e dall'esito felice, è costantemente permeata da impeti di donne verso altre, in un clima improntato all'allegrezza. Si avverte che nel romanzo sono trattati contenuti sessuali molto espliciti.

Dettagli

Generi Passione e Sentimenti » Letteratura erotica , Romanzi e Letterature » Erotica » Romanzi contemporanei

Editore Gia Van Rollenoof

Formato Ebook con Adobe DRM

Pubblicato 22/11/2013

Lingua Italiano

EAN-13 9788868850357

1 recensioni dei lettori  media voto 5  su  5
Scrivi una recensione
5 star
1
4 star
0
3 star
0
2 star
0
1 star
0
Dal cappello di Gia - Atto 1° acr8no

Angelo Friolo - 09/07/2014 23:22

voto 5 su 5 5

Neanche sembra comprendere più di settecento pagine, tanto è avvincente e scorrevole la lettura del romanzo. E' un mix mirabile di Eros e cultura, al punto che le vicende a contenuto erotico sembrano essere più che altro un media per approfondire ben altri temi, non ultimi, quelli a contenuto sociale e spirituale. Sia pure a marcatissimo contenuto sessuale, che si ritrova in ogni pagina, ogni descrizione è assolutamente elegante, e mai, com'è opportuno che sia, la "favola" pretende di mascherarsi di realismo. Ottima l'idea di corredare il romanzo di numerosissimi approfondimenti culturali.

Accedi o Registrati  per aggiungere una recensione

usa questo box per dare una valutazione all'articolo: leggi le linee guida
torna su Torna in cima