Mondadori Store

Trova Mondadori Store

Benvenuto
Accedi o registrati

lista preferiti

Per utilizzare la funzione prodotti desiderati devi accedere o registrarti

Vai al carrello
 prodotti nel carrello

Totale  articoli

0,00 € IVA Inclusa

Una maledizione antica di secoli incombe sulla famiglia Mc Phillips, proprietaria di un castello nel nord della Scozia. Peter, restauratore fiorentino e compagno di Ann, una delle ultime rampolle della famiglia, si trova suo malgrado a dover affrontare una realtà ignota e terribile. Da solo cercherà con tutte le sue forze di scoprire cosa si cela dietro l'antica leggenda, attraverso un percorso fatto di terribili omicidi e verità celate che lo riporterà dalla Scozia fino alla sua terra, per giungere a una terribile conclusione.

Dettagli

Generi Romanzi e Letterature » Horror e gotica , Fantasy Horror e Gothic » horror e Dark Romance

Editore 0111edizioni

Formato Ebook con Adobe DRM

Pubblicato 24/01/2013

Lingua Italiano

EAN-13 9788863074789

3 recensioni dei lettori  media voto 3  su  5
Scrivi una recensione
5 star
0
4 star
0
3 star
3
2 star
0
1 star
0
Darkness Ultima Tenebra ettore.leandri

ettore.leandri - 09/03/2013 17:50

voto 3 su 5 3

Libro abbastanza corto, parla di una leggenda/maledizione su una famiglia scozzese che si realizza concretamente, uccidendo diverse persone. La trama è abbastanza lineare, non presenta particolari colpi di scena ed è accattivante a tratti; forse risente di innumerevoli libri e film realizzati su questo filone. Il finale è nel complesso buono ed è ben curato. Lo stile di scrittura è interessante e buono, i fatti vengono esposti bene e le descrizioni sono attente e precise. Non ho trovato errori o refusi. Voto complessivo: discreto.

Darkness Ultima Tenebra ginocentofante

Gino Centofante - 18/02/2013 01:52

voto 3 su 5 3

«e il giudizio è questo: la luce è venuta nel mondo, ma gli uomini hanno preferito le tenebre alla luce, perché le loro opere erano malvagie. Chiunque infatti fa il male odia la luce e non viene alla luce perché non siano svelate le sue opere. »E la storia di unantica generazione i Phillips, di un castello in Scozia sede di tanti misteri e accadimenti ambigui, è la storia di Peter, Ann, Mary, Mark, Albert, Maggie, Max, Arthur, Bessie, è la storia di morti che si susseguono, è la storia di [ ] aliti di vento freddo, e poi tutto buio. E il buio è, è la storia di occhi fosforescenti come quelli di un gatto, è la storia di un rito proibito, rito legato ad unantica religione, è la storia di alcune donne, - prescelte - , è la storia delloscurità che arriva, ti prende e ti toglie il respiro, violenta, crudele, senza scrupoli, è la storia di alcune confessioni: Ormai i segni ci sono tutti e non cè più tempo, ho fallito: non sono riuscito a impedire che la generazione dei miei figli conoscesse il prodotto del male. E triste, mi angoscia sapere che questo prodotto, se lasciato agire, ucciderà. Non so se potrò fermarlo, se ne avrò la forza, ma devo fare tutto il possibile perché il prodotto delloscurità inizi a uccidere. E una decisione difficile quella che ho preso, ma era lunica possibile. E pensare che allinizio sembrava E la storia delloscurità, e della luce che soffre: Angoscianientaltro che strisciante angoscia lungo sentieri che non portano a nulla, quando anche lultima speranza cade e tutto assume contorni non veri, ma ugualmente reali nella mente. Camminare su sentieri sbagliati, giungere in luoghi ostili dove la luce non è luce, dove la tenebra non è tenebra; dove adesso tutto può accadere. Essere come una goccia dacqua caduta nel deserto più arido delluniverso. Essere proiezione di un sole nero che non sa dare luce; essere lombra di qualcuno che non ha la forza né di alzarsi, né di morire. Situazione di stallo, NON VITA NON MORTEorrore, solo orrore. E la storia di un viaggio, di una scoperta, delle polizia, di un testimone da portare.

Darkness Ultima Tenebra ginocentofante

Gino Centofante - 13/02/2013 23:20

voto 3 su 5 3

«e il giudizio è questo: la luce è venuta nel mondo, ma gli uomini hanno preferito le tenebre alla luce, perché le loro opere erano malvagie. Chiunque infatti fa il male odia la luce e non viene alla luce perché non siano svelate le sue opere. » E la storia di unantica generazione i Phillips, di un castello in Scozia sede di tanti misteri e accadimenti ambigui, è la storia di Peter, Ann, Mary, Mark, Albert, Maggie, Max, Arthur, Bessie, è la storia di morti che si susseguono, è la storia di [ ] aliti di vento freddo, e poi tutto buio. E il buio è, è la storia di occhi fosforescenti come quelli di un gatto, è la storia di un rito proibito, rito legato ad unantica religione, è la storia di alcune donne, - prescelte - , è la storia delloscurità che arriva, ti prende e ti toglie il respiro, violenta, crudele, senza scrupoli, è la storia di alcune confessioni: Ormai i segni ci sono tutti e non cè più tempo, ho fallito: non sono riuscito a impedire che la generazione dei miei figli conoscesse il prodotto del male. E triste, mi angoscia sapere che questo prodotto, se lasciato agire, ucciderà. Non so se potrò fermarlo, se ne avrò la forza, ma devo fare tutto il possibile perché il prodotto delloscurità inizi a uccidere. E una decisione difficile quella che ho preso, ma era lunica possibile. E pensare che allinizio sembrava E la storia delloscurità, e della luce che soffre: Angoscianientaltro che strisciante angoscia lungo sentieri che non portano a nulla, quando anche lultima speranza cade e tutto assume contorni non veri, ma ugualmente reali nella mente. Camminare su sentieri sbagliati, giungere in luoghi ostili dove la luce non è luce, dove la tenebra non è tenebra; dove adesso tutto può accadere. Essere come una goccia dacqua caduta nel deserto più arido delluniverso. Essere proiezione di un sole nero che non sa dare luce; essere lombra di qualcuno che non ha la forza né di alzarsi, né di morire. Situazione di stallo, NON VITA NON MORTEorrore, solo orrore. E la storia di un viaggio, di una scoperta, delle polizia, di un testimone da portare.

Accedi o Registrati  per aggiungere una recensione

usa questo box per dare una valutazione all'articolo: leggi le linee guida
torna su Torna in cima