Mondadori Store

Trova Mondadori Store

Benvenuto
Accedi o registrati

lista preferiti

Per utilizzare la funzione prodotti desiderati devi accedere o registrarti

Vai al carrello
 prodotti nel carrello

Totale  articoli

0,00 € IVA Inclusa

Death in june. Nascosto tra le rune
Death in june. Nascosto tra le rune

Death in june. Nascosto tra le rune

by Aldo Chimenti
pubblicato da Tsunami

29,75
35,00
-15 %
35,00
Disponibile.
60 punti carta PAYBACK
Aggiungi al carrello
Consegna gratuita con spesa totale superiore a 24€
facebook tweet linkedin google whatsapp
Aggiungi al carrello
Consegna gratuita con spesa totale superiore a 24€
facebook tweet linkedin google whatsapp
1 recensioni dei lettori  media voto 2  su  5
Scrivi una recensione
5 star
0
4 star
0
3 star
0
2 star
1
1 star
0
Death in june. Nascosto tra le rune

Anonimo - 03/08/2010 12:55

voto 2 su 5 2

Il primo sospetto l'ho avuto a pagina 59 quando Douglas Pearce afferma "Ho sempre dichiarato che non amo vivisezionare pubblicamente il lavoro dei DIJ. Non lo analizzerò e interpreterò per nessuno ", ci siamo, ho pensato, questo bel tomo non chiarirà un accidente nemmeno questa volta, e così è stato. Scritto da un vero e proprio fanatico dei DIJ il libro latita proprio dove ci sarebbe necessità di maggior chiarezza: cosa ha portato due giovanissimi musicisti militanti dell'estrema sinistra inglese a trasformarsi in corifei di uno strisciante nazismo mai dichiarato apertamente? Secondo l'autore del libro l'abbandono della sinistra estrema da parte di Pearce e Wakeford sarebbe stato causato dalla salvifica visione di un servizio televisivo sull'omicidio di Aldo Moro da parte delle BR e un non ben chiaro sfruttamento della band da parte del RAR (Rock Against Racism) che organizzava i loro concerti di cui si lamenta Pearce alcune pagine più avanti. Da qui la crisi interiore dei due (sic!), l'anno di meditazione e il ritorno vestiti da SS. E' ben vero che all'epoca Pearce e Wakeford erano due ragazzi rispettivamente di 24 e 21 anni e come molti della loro età facili a prendere cappello ma a me sembrano motivazioni estremamente deboli al limite dell'infantilismo soprattutto se viene stesa una spessa coltre su ciò che accadde in quelli che dovettero essere mesi cruciali tra lo scioglimento dei Crisis e la fondazione dei DIJ. Le restanti 370 pagine sono l'appassionata arringa, a volte imbarazzante (il maldestro tentativo di minimizzare e svuotare del suo valore ideologico il periodo di collaborazione con Boyd Rice è a dir poco vergognoso), di Chimenti, un tifoso da curva sud, il quale scrive così a proposito dello smarcamento degli "In The Nursery", duo dark dei gemelli Humberstone, dalle volutamente poco chiare posizioni dei DIJ: "Un comportamento ingrato, per non dire vile e proditorio, che costò loro l'estromissione con biasimo dalla NER (New European Recordings)." Da parte di Douglas Pearce, anni 54 di cui più di trenta passati a fare musica, continuare a giocare sul detto/non detto e su imbarazzanti ambiguità e reticenze mi sembra un atteggiamento intellettualmente disonesto e pateticamente infantile che a me dà ormai solamente la nausea. A rendere ancora meno digeribile il tutto è lo stile di Chimenti: uno sbrodolante susseguirsi di aggettivi stucchevoli e frasi che vorrebbero essere d'effetto ma che risultano solo fastidiosamente noiose quando non inutili. A proposito del brano "The torture garden" scrive: "Un fenomeno di polifonie gravitazionali che si diffondono attraverso gli alambicchi di un canto gregoriano definitivo e gli incensieri di una cattedrale gotica profanata." Consigliato solo agli appassionati.

Accedi o Registrati  per aggiungere una recensione

usa questo box per dare una valutazione all'articolo: leggi le linee guida
torna su Torna in cima