Mondadori Store

Trova Mondadori Store

Benvenuto
Accedi o registrati

lista preferiti

Per utilizzare la funzione prodotti desiderati devi accedere o registrarti

Vai al carrello
 prodotti nel carrello

Totale  articoli

0,00 € IVA Inclusa

La libertà religiosa è spesso al centro dei dibattiti relativi all'uguaglianza e alla diversità, in contesti di sempre più marcato pluralismo etnico e religioso. Negli ordinamenti giuridici europei ha assunto un ruolo predominante il cosiddetto "diritto antidiscriminatorio" che, soprattutto a partire dagli interventi dell'Unione europea, ha introdotto concetti e strumenti normativi per la promozione della parità e per la gestione delle diversità, anche religiose. In base alle norme europee la non discriminazione implica non soltanto un trattamento uguale, ma anche un'attenzione per le differenze: un'interpretazione di particolare interesse per le società multiculturali europee. Il volume offre un'analisi della cornice concettuale comune disegnata dal diritto dell'Unione europea, in particolare dalla direttiva n. 2000/78 sulla parità nell'ambito del lavoro, e dell'applicazione della direttiva in tre Stati paradigmatici (Italia, Francia e Regno Unito). Nella diversità di tradizione giuridica propria dei tre Stati, il diritto antidiscriminatorio, strumento ormai imprescindibile per la gestione delle diversità, traccia percorsi comuni di lettura delle odierne vicende della tutela del diritto di libertà religiosa in Europa.

Dettagli

Generi Religioni e Spiritualità » Cristianesimo , Economia Diritto e Lavoro » Diritto

Editore Libellula Edizioni

Formato Ebook con Adobe DRM

Pubblicato 30/12/2013

Lingua Italiano

EAN-13 9788867351602

0 recensioni dei lettori  media voto 0  su  5

Scrivi una recensione per "Diritto antidiscriminatorio e religione"

Diritto antidiscriminatorio e religione
 

Accedi o Registrati  per aggiungere una recensione

usa questo box per dare una valutazione all'articolo: leggi le linee guida
torna su Torna in cima