Mondadori Store

Trova Mondadori Store

Benvenuto
Accedi o registrati

lista preferiti

Per utilizzare la funzione prodotti desiderati devi accedere o registrarti

Vai al carrello
 prodotti nel carrello

Totale  articoli

0,00 € IVA Inclusa

Sullo sfondo, ma non tanto, vi è l'isola di sempre - degli ultimi cinquant'anni diciamo - centinaia di migliaia di ovini, caprini, suini e bovini. Ma oggi ci sono i caseifici, grandi, piccoli o piccolissimi, salumifici che fanno le salsicce, i prosciutti e la mustela, i laboratori di "carne sarda". E altre vocazioni locali sono state riscoperte e sembrano espandersi. Le vocazioni femminili in primo luogo. [] Le donne occupano le posizioni lavorative che ai maschi sembrano meno appetibili o che rispondono alle competenze acquisite a scuola e all'università. Ma si può pensare, anche, che in esse sia rimasto almeno un riflesso di un'antica aspirazione all'armonia e che il lavoro si "scelga" anche come risposta a questo riflesso. Le testimonianze più dolenti sul degrado di molti luoghi e sulla aggressività di tanti rapporti sono, in questo libro, soprattutto femminili.[Dall'introduzione di Anna Oppo]Giacomo Mameli (Perdasdefogu 1941). A Urbino ha studiato Giornalismo e Sociologia privilegiando i temi della comunicazione e del lavoro. Per la Cuec ha pubblicato La squadra (maggio 1999), Sardegna 2000, ecco le cifre (dicembre 2000), Sedici ore al giorno (2003) e Non avevo un soldo (2004). Giornalista, dirige il mensile "Sardinews", collabora a "La Nuova Sardegna".

Dettagli

Generi Politica e Società » Sociologia e Antropologia » Antropologia sociale e culturale, etnografia

Editore Cuec Editrice

Formato Ebook con Adobe DRM

Pubblicato 17/02/2016

Lingua Italiano

EAN-13 9788884679567

0 recensioni dei lettori  media voto 0  su  5

Scrivi una recensione per "Donne sarde. Protagoniste nel lavoro e nelle professioni"

Donne sarde. Protagoniste nel lavoro e nelle professioni
 

Accedi o Registrati  per aggiungere una recensione

usa questo box per dare una valutazione all'articolo: leggi le linee guida
torna su Torna in cima