Mondadori Store

Trova Mondadori Store

Benvenuto
Accedi o registrati

lista preferiti

Per utilizzare la funzione prodotti desiderati devi accedere o registrarti

Vai al carrello
 prodotti nel carrello

Totale  articoli

0,00 € IVA Inclusa

Editoriale - Il ruolo dei modelli virtuali 3D nella conservazione del patrimonio architettonico e archeologico Editorial - The role of virtual 3D models in the conservation of architectural and archaeological heritage

Carlo Bianchini - Mario Docci
pubblicato da Gangemi Editore

Prezzo online:
4,99

Nell'ultimo ventennio i professionisti che operano nel rilevamento mediante l'uso di laser scanner e della fotomodellazione hanno dovuto sempre più spesso elaborare dei modelli virtuali 3D non potendo operare direttamente sulla nuvola di punti, ma dovendola fare oggetto di trasformazioni. Infatti tali modelli, dopo essere stati acquisiti, dovevano essere rielaborati al fine di evitare un errore di carattere concettuale commesso da alcuni rilevatori poco accorti o da imprese volte a massimizzare il profitto, i quali utilizzavano la nuvola di punti orientata per ricavarne direttamente le rappresentazioni bidimensionali quali piante, prospetti e sezioni. Questa scorciatoia faceva però sì che alcuni punti caratterizzanti l'opera non fossero presenti fra quelli, numerosissimi, acquisiti; si pensi ad esempio a punti appartenenti a spigoli o all'intersezione di più rette. Pertanto molti rilevatori, tra i quali anche chi scrive, sono stati costretti a rielaborare le proprie nuvole di punti, in quanto esse altro non erano che un insieme di moltissimi punti e dunque si presentavano come un modello numerico; le opere architettoniche o archeologiche sono invece definite da molteplici superfici di varia natura e pertanto sono assimilabili a modelli di tipo geometrico o matematico che dire si voglia. | In the last twenty years any professional who used a laser scanner and photomodelling to perform a survey was increasingly forced to elaborate virtual 3D models. Since it was impossible to work directly on a points cloud the latter had to be transformed. In fact, after acquisition these models had to be re-elaborated to avoid the conceptual mistake made either by less meticulous surveyors or by companies looking for maximum gain, i.e., companies using the oriented points cloud to quickly obtain 2D representations such as plans, elevations and sections. This shortcut, however, meant that some of the characteristic points of the object were not present amongst the countless points that were acquired. Think, for example, of the points of corners or the intersection between straight lines. As a result, many surveyors, including us, were forced to re-elaborate their points clouds because they were nothing but a set of countless points that appeared as a numerical model. Instead architectural or archaeological objects have different kinds of multiple surfaces and are therefore similar to either geometric or mathematical models.

Dettagli

Generi Architettura Design e Moda » Architettura e Urbanistica » Opere generali

Editore Gangemi Editore

Formato Ebook con Adobe DRM

Pubblicato 09/03/2017

Lingua Italiano

EAN-13 9788849296853

0 recensioni dei lettori  media voto 0  su  5

Scrivi una recensione per "Editoriale - Il ruolo dei modelli virtuali 3D nella conservazione del patrimonio architettonico e archeologico Editorial - The role of virtual 3D models in the conservation of architectural and archaeological heritage"

Editoriale - Il ruolo dei modelli virtuali 3D nella conservazione del patrimonio architettonico e archeologico   Editorial - The role of virtual 3D models in the conservation of architectural and archaeological heritage
 

Accedi o Registrati  per aggiungere una recensione

usa questo box per dare una valutazione all'articolo: leggi le linee guida
torna su Torna in cima