Mondadori Store

Trova Mondadori Store

Benvenuto
Accedi o registrati

lista preferiti

Per utilizzare la funzione prodotti desiderati devi accedere o registrarti

Vai al carrello
 prodotti nel carrello

Totale  articoli

0,00 € IVA Inclusa

Roma, inizi di marzo del 44 avanti Cristo. Caio Giulio Cesare, il dittatore perpetuo, è un uomo stanco e malato, incapace di reggere sulle spalle il peso di un potere immenso. I tempi e la logica politica della congiura definitiva incalzano implacabili. I presagi si compiranno, le Idi di marzo deflagreranno e il mondo non sarà più lo stesso. Valerio Massimo Manfredi dipana con maestria i fili che si aggrovigliano intorno a uno degli snodi cruciali della storia dell'umanità, riportandone alla luce tutta la complessità politica e la profondità psicologica, nonché la potenza drammatica. Sullo sfondo della Roma più bella, mai ricostruita con tanta vivida nitidezza e precisione topografica e alla presenza di coprotagonisti dalla colossale statura storica e tragica - Marco Junio Bruto, Cassio Longino, Marco Antonio, Marco Tullio Cicerone, Cleopatra -, Manfredi ci regala un thriller politico incalzante, un memorabile ritratto di Giulio Cesare e un'attualissima riflessione sul tema del potere e della democrazia.

Dettagli

Generi Gialli Noir e Avventura » Romanzi storici , Romanzi e Letterature » Narrativa d'ambientazione storica

Editore Mondadori

Formato Ebook con Adobe DRM

Pubblicato 07/10/2010

Lingua Italiano

EAN-13 9788852010675

1 recensioni dei lettori  media voto 3  su  5
Scrivi una recensione
5 star
0
4 star
0
3 star
1
2 star
0
1 star
0
Idi di marzo alessandro356

-

voto 3 su 5 È un romanzo piuttosto breve ma ha una sua profondità. La trama è abbastanza intricata, forse anche troppo, non ci si perde mai però lautore avrebbe potuto essere più... incentrato. Lintera storia di Publio Sestio, ad esempio, è improbabile quanto superflua, del tutto inutile ai fini veri della trama. Tutto sommato però è interessante, con un finale evocativo e molto apprezzabile. Ovviamente la figura di Giulio Cesare domina la scena. Lautore lo fa apparire un uomo stanco, stremato dalla vita e dalle fatiche, ma che a mio giudizio mantiene sempre una certa forza. Paragonandolo a un altro romanzo che tratta lo stesso argomento, Gli ultimi giorni di Giulio Cesare di Luca Canali, il lavoro di Manfredi mi è parso meno aulico, inferiore da un punto di vista storico e tecnico, però molto più intrigante. Tuttavia rimane un libro da poco, medio. Gli darei un voto intermedio tra tre e quattro stelle. Vista lenorme pubblicità fatta allepoca mi aspettavo di meglio.

Accedi o Registrati  per aggiungere una recensione

usa questo box per dare una valutazione all'articolo: leggi le linee guida
torna su Torna in cima