Mondadori Store

Trova Mondadori Store

Benvenuto
Accedi o registrati

lista preferiti

Per utilizzare la funzione prodotti desiderati devi accedere o registrarti

Vai al carrello
 prodotti nel carrello

Totale  articoli

0,00 € IVA Inclusa

Il morso della vipera

Alice Basso
pubblicato da Garzanti Libri

Prezzo online:
16,05
16,90
-5 %
16,90
Disponibile in 2-3 giorni. la disponibilità è espressa in giorni lavorativi e fa riferimento ad un singolo pezzo
32 punti carta PAYBACK
Prodotto acquistabile con Carta del Docente e 18App

Il suono metallico dei tasti risuona nella stanza. Seduta alla sua scrivania, Anita batte a macchina le storie della popolare rivista Saturnalia : racconti gialli americani, in cui detective dai lunghi cappotti, tra una sparatoria e l'altra, hanno sempre un bicchiere di whisky tra le mani. Nulla di più lontano dal suo mondo. Eppure le pagine di Hammett e Chandler, tradotte dall'affascinante scrittore Sebastiano Satta Ascona, le stanno facendo scoprire il potere delle parole. Anita ha sempre diffidato dei giornali e anche dei libri, che da anni ormai non fanno che compiacere il regime. Ma queste sono storie nuove, diverse, piene di verità. Se Anita si trova ora a fare la dattilografa la colpa è solo la sua. Perché poteva accettare la proposta del suo amato fidanzato Corrado, come avrebbe fatto qualsiasi altra giovane donna del 1935, invece di pronunciare quelle parole totalmente inaspettate: ti sposo ma voglio prima lavorare. E ora si trova con quella macchina da scrivere davanti in compagnia di racconti che però così male non sono, anzi, sembra quasi che le stiano insegnando qualcosa. Forse per questo, quando un'anziana donna viene arrestata perché afferma che un eroe di guerra è in realtà un assassino, Anita è l'unica a crederle. Ma come rendere giustizia a qualcuno in tempi in cui di giusto non c'è niente? Quelli non sono anni in cui dare spazio ad una visione obiettiva della realtà. Il fascismo è in piena espansione. Il cattivo non viene quasi mai sconfitto. Anita deve trovare tutto il coraggio che ha e l'intuizione che le hanno insegnato i suoi amici detective per indagare e scoprire quanto la letteratura possa fare per renderci liberi. Dopo aver creato Vani Sarca, l'autrice torna con una nuova protagonista: combattiva, tenace, acuta, sognatrice. Sullo sfondo di una Torino in cui si sentono i primi afflati del fascismo, una storia in cui i gialli non sono solo libri ma maestri di vita.

Dettagli

Generi Gialli Noir e Avventura » Gialli, mistery e noir » Gialli storici , Romanzi e Letterature » Gialli, mistery e noir

Editore Garzanti Libri

Collana Narratori moderni

Formato Rilegato

Pubblicato 02/07/2020

Pagine 302

Lingua Italiano

Isbn o codice id 9788811812135

1 recensioni dei lettori  media voto 5  su  5
Scrivi una recensione
5 star
1
4 star
0
3 star
0
2 star
0
1 star
0
Il morso della vipera ely.101

-

voto 5 su 5 Anita è una bella ragazza e sa benissimo che può permettersi tutto, infatti sta per fidanzarsi con un ottimo partito, e negli anni 30 questo farebbe felice ogni ragazza, ma al momento di dire si non si sa come le è uscita una frase che non si sarebbe mai aspettata nemmeno lei " prima voglio lavorare " . Si trova così a fare la dattilografa, e nemmeno molto brava, in una casa editrice che traduce libri gialli provenienti dall'America, proprio lei che di gialli non ne ha letti nemmeno uno. Inizia a lavorare per Sebastiano, che le detta a ritmo incalzante in racconti tradotti, e Monné che cura la parte economica. Siano nel 1935 ed anche a Torino domina il fascismo, ed ogni storia che viene pubblicata deve passare prima dalla censura, ma stando attenti ai personaggi ed a fare passare il messaggio che vuole il fascio la casa editrice non ha mai avuto problemi. Anita inizia a scoprire i racconti gialli, proprio mentre li scrive, cercando a stare al passo con la dettatura di Sebastiano, inizia ad apprezzare i personaggi, le indagini, la suspance. Eh si, anche per lei c'è ancora speranza. C'è poi l'amica di sempre Clara, che a differenza di Anita non può vantare un bell'aspetto fisico, ma fa la dattilografa da anni ed è sempre stata una vera amica per Alice, compensandosi da sempre ed appoggiandosi in ogni momento. Con lei c'è Candida, la loro insegnante di dattilografia, che fuma più di una ciminiera ma è una donna con un acume fuori dal normale per quegli anni e spinge le ragazze a non stare mai dentro le righe imposte. Anita, che inizia ad apprezzare i libri gialli, si trova a doverne risolvere lei uno. Perché non sempre gli eroi di guerra sono davvero eroi, perché non sempre le persone raccontano il vero e perché spesso la verità se non viene raccontata finisce per essere dimenticata. E ne Anita ne Sebastiano vogliono che la realtà che hanno scoperto venga dimenticata, perché se anche solo una persona riesce a sapere cosa è accaduto per davvero, e che le persone che vengono presentate come "buone" non sempre lo sono realmente, allora i loro sforzi si possono ritenere ripagati. Anita vorrebbe fare tanto, ed il suo carattere le fa correre tanti pericoli, ma è pur sempre una ragazza negli anni 30 e deve stare al suo posto per non attirare troppo l'attenzione su di se, e deve mandare avanti Sebastiano, che di racconti è un ottimo traduttore, ma quando si tratta di scriverli lui, bè, è meglio lasciare perdere. Chi conosce l'autrice dai precedenti libri con Vani Sarca riconoscerà tanti particolari anche in Alice, il sarcasmo, la voglia di lottare e la libertà. Ma siamo in due mondi ed epoche completamente differenti. Ho apprezzato davvero tantissimo questo esordio, perché la storia è avvincente, ti prende, ti conquista, ti scombussola ma ti fa anche ridere. I personaggi sono descritti in modo impeccabile e la nostra Anita con i suoi sproloqui è davvero deliziosa. Ma anche gli altri personaggi non sono da meno. I cenni storici e le ambientazioni sono descritte in modo perfetto ed è facile immaginarsele. Direi che c'è tutto il necessario per gustarvi un buon libro, ed io non vedo l'ora di leggere il seguito, già innamorata del carattere di Anita Bo. Come sempre auguro a tutti voi una buona lettura, ed io vi do appuntamento alla prossima recensione librosa.

Accedi o Registrati  per aggiungere una recensione

usa questo box per dare una valutazione all'articolo: leggi le linee guida
torna su Torna in cima