Mondadori Store

Trova Mondadori Store

Benvenuto
Accedi o registrati

lista preferiti

Per utilizzare la funzione prodotti desiderati devi accedere o registrarti

Vai al carrello
 prodotti nel carrello

Totale  articoli

0,00 € IVA Inclusa

Il ritmo di Harlem

Colson Whitehead
pubblicato da Mondadori

Prezzo online:
10,99

Per i suoi clienti e vicini su 125th Street, Ray Carney è un commerciante serio: sgobba da bravo padre di famiglia nel suo negozio dove vende mobili a prezzi contenuti. Sua moglie Elizabeth aspetta il secondo figlio e, sebbene i suoceri non mostrino di apprezzare granché il fatto che la figlia e i nipoti vivano in un piccolo appartamento vicino ai binari della sopraelevata, Ray sembra soddisfatto così. Ma dietro questa apparente normalità si aprono delle crepe: sono in pochi a sapere che suo padre era un membro piuttosto temuto della criminalità locale. Per giunta, con tutti quei divani venduti a rate, i soldi cominciano a scarseggiare. Per cui, se suo cugino Freddie occasionalmente gli porta in negozio qualche anello o una collana, Ray non vede la necessità di informarsi sulla loro provenienza; inoltre conosce un gioielliere in centro, anche lui molto poco propenso a fare domande e assai discreto.

Inizia così il conflitto interiore tra Ray l'onesto commerciante, padre di famiglia, e Ray il malvivente. Ma quando Freddie decide di prendere parte alla rapina allo storico Hotel Theresa, una serie di terribili malavitosi irrompe nella vita di Carney: dal gangster Chink Montague, "noto per la sua abilità con il rasoio a mano libera", a Pepper, reduce della Seconda guerra mondiale dalla pistola facile, fino al micidiale Miami Joe con i suoi eleganti completi viola.

Barcamenarsi in questa doppia vita diventa sempre più difficile e pericoloso: riuscirà il nostro eroe a evitare di essere ucciso, a salvare suo cugino e ottenere la sua parte del colpo grosso? Ma, soprattutto, riuscirà a mantenere intatta la sua reputazione?

Questo ennesimo exploit letterario di Whitehead non è solo un esilarante dramma morale mascherato da poliziesco: è anche un romanzo sociale su razza e potere. Ma è in primo luogo una lettera d'amore nella quale Harlem - animata da una sfilata dickensiana di personaggi colorati e originalissimi - ha la stessa vivacità e ricchezza della Dublino di Joyce.

Dettagli

Generi Romanzi e Letterature » Romanzi contemporanei » Legal, Thriller e Spionaggio , Gialli Noir e Avventura » Legal thriller e thriller politico

Editore Mondadori

Formato Ebook con Adobe DRM

Pubblicato 14/09/2021

Lingua Italiano

EAN-13 9788835712756

1 recensioni dei lettori  media voto 4  su  5
Scrivi una recensione
5 star
0
4 star
1
3 star
0
2 star
0
1 star
0
Il ritmo di Harlem librisenzagloria

-

voto 4 su 5 Il pluripremiato Colson Whitehead (ci limitiamo a citare I ragazzi della Nickel e La ferrovia sotterranea, dal quale è stata tratta la serie Amazon) è una delle più interessanti voci della letteratura contemporanea. Nella sua ultima fatica Il ritmo di Harlem, l'autore due volte premio Pulitzer inventa ed espone il dramma morale di Ray Carney. Siamo negli anni Sessanta. Pur con una laurea in economia appesa al chiodo, Ray vende mobili a prezzi contenuti in un negozio sulla 125th Street. La vita a New York si divide fra uptown (la città dei neri) e downtown (la città dei bianchi), divise dal muro di Harlem, un limite sociale fra due razze, fra due usi diversi del potere, dove si fa su e giù ma dove l'onestà e la disonestà hanno sempre gli stessi colori. In questo contesto Carney non si fa troppa domande sui televisori e le radio che gli passa suo cugino Freddie, piccolo frequentatore della mala di quartiere. Fino al giorno in cui Freddie, da piccolo ladruncolo fa il salto di qualità nel giro delle rapine a mano armata, e per proprietà riflessa ficca nei guai pure il cugino. Nel grande colpo in stile Ocean's 11 e Rififi, Carney ottiene l'indesiderato ruolo di ricettatore. Aa quanto pare, però, la banda ha rapinato l'hotel sbagliato, un locale sotto la protezione di una gang di neri che ora non vuole farla passar liscia ai rapinatori, compreso lui. E così per Carney il livello del crimine aumenta proporzionalmente a quello dei guai. Il punto è che ci prende gusto: perché lui sa muoversi dorway, ossia in quelle ore notturne in cui il sonno non è più necessario e le persone oneste rimangono a casa con la famiglia. Il conflitto interiore ben si abbina alle doppie vite tipiche del genere poliziesco: combinate quindi le abilità di Carney con il suo desiderio di scalata sociale ostacolato dalla corruzione degli uomini d'affari e dai piani rateali che concede ai suoi clienti meno benestanti, e otterrete un Carney che, muovendosi sul filo del rasoio, si ritrova tagliato in due metà, come Mr. Jackyll e Dr. Hyde...

Accedi o Registrati  per aggiungere una recensione

usa questo box per dare una valutazione all'articolo: leggi le linee guida
torna su Torna in cima