Mondadori Store

Trova Mondadori Store

Benvenuto
Accedi o registrati

lista preferiti

Per utilizzare la funzione prodotti desiderati devi accedere o registrarti

Vai al carrello
 prodotti nel carrello

Totale  articoli

0,00 € IVA Inclusa

Una storia intensa, ricca e profonda. Una storia fantasy narrata con sacralità ed epicità. Una storia dentro la storia, personaggi unici, amore, odio e una cornice indimenticabile.
Era una classica giornata autunnale nel villaggio di frontiera di Stuard, nella locanda di Flander, un uomo di mezza età, di media statura, di corporatura robusta e con un carattere scorbutico, guardava soddisfatto dietro il suo bancone la sua clientela che anche quella sera era numerosa.
La clientela di quel periodo non erano i classici ricchi forestieri che si fermavano nella locanda il tempo di mangiare un buon pasto e di affittare una stanza per la notte ma la gente del piccolo villaggio, che andava lì dopo aver lavorato tutto il giorno per uccidere le ultime ore della giornata, bevendo un buon sidro e chiacchierando fra di loro, facendo sempre i soliti discorsi senza mai fare nulla sostanzialmente di diverso.
All'improvviso la porta si spalancò, facendo così entrare nella locanda il freddo pungente di fine giornata, Flander sentì un brivido lungo la schiena, sì voltò e vide una figura tenebrosa che stava entrando.
Quell'uomo così tenebroso e imponente aveva un aspetto che scaturiva paura, era alto più di un metro e novanta, portava un lungo mantello grigio scuro con un cappuccio che gli copriva quasi completamente il viso, facendo vedere soltanto due grosse labbra screpolate dal freddo, e zoppicando si dirigeva verso il bancone.
Flander si avvicinò verso lo straniero, con un'aria quasi strafottente, come di uno che sa già la risposta alla domanda che sta per porgere "Cosa desideri viandante?".
"Un po' di cibo caldo e un boccale di birra, ma sappi che non ti potrò pagare in denaro". Rispose lo straniero con molta calma e un tono di voce bassa, ma non tanto bassa da non farsi sentire da Flander che immediatamente perse il suo modo di fare strafottente, diventando quasi nevrotico. "Che cosa!." urlo subito Flander e continuando a tenere un tono di voce alto. "Credi forse che io sia un buon samaritano, pronto a dare cibo a chiunque venga qui dentro, solo perché possiedo questa locanda non significa che nuoti nell'oro e mi possa permettere di fare la carità a chiunque!".
Lo straniero sempre calmo e con un tono di voce bassa. "Ti ho detto che non ti posso pagare in denaro, ma saprò sdebitarmi in un'altra maniera...

Dettagli

Generi Romanzi e Letterature » Fiabe, miti e leggende » Fantasy , Fantasy Horror e Gothic » Fantasy

Editore Lettere Animate Editore

Formato Ebook con Adobe DRM

Pubblicato 12/02/2016

Lingua Italiano

EAN-13 9788868826970

0 recensioni dei lettori  media voto 0  su  5

Scrivi una recensione per "Io sono Dugarov"

Io sono Dugarov
 

Accedi o Registrati  per aggiungere una recensione

usa questo box per dare una valutazione all'articolo: leggi le linee guida
torna su Torna in cima