Mondadori Store

Trova Mondadori Store

Benvenuto
Accedi o registrati

lista preferiti

Per utilizzare la funzione prodotti desiderati devi accedere o registrarti

Vai al carrello
 prodotti nel carrello

Totale  articoli

0,00 € IVA Inclusa

L'atlante dell'invisibile

by Alessandro Barbaglia
pubblicato da Mondadori

14,45
17,00
-15 %
17,00
Disponibile.
29 punti carta PAYBACK
Prodotto acquistabile con Carta del Docente e 18App
Aggiungi al carrello
Consegna gratuita con spesa totale superiore a 24€
facebook tweet linkedin whatsapp
Aggiungi al carrello
Consegna gratuita con spesa totale superiore a 24€
facebook tweet linkedin whatsapp

Ismaele, Dino e Sofia hanno quarantadue anni in tre quando nel 1989, in una sera di fine estate, rapiscono la luna in segno di protesta. Vivono a Santa Giustina, un lontanissimo paese fatto di baite di legno ai piedi delle Dolomiti che sta per essere sommerso da un lago artificiale, portandosi dietro tutti i loro ricordi, le gare con le lumache, il prato del castagno, i primi baci. Il progetto della diga risale al 1946. Ai tempi, gli abitanti di Santa Giustina non accettarono di abbandonare le loro case per trasferirsi al "paese nuovo" e rinunciarono ai benefici promessi nel caso di una resa immediata. Si avvicina però il momento dell'esproprio definitivo. Proprio negli anni Quaranta si sono conosciuti Elio e Teresa, e precisamente il 19 marzo 1946, in un bar Sport gremito di una folla accalcata per seguire la cronaca radiofonica della prima Milano-Sanremo del dopoguerra. Senza essersi mai visti né incontrati, Elio e Teresa - ormai anziani e da sempre innamorati l'uno dell'altra e del loro paese vicino a Milano - e i quattordicenni Dino, Ismaele e Sofia sono tormentati dalle stesse domande: "dove vanno a finire le cose infinite?", "dove si nascondono l'infanzia, l'amore o il dolore quando di colpo svaniscono?". E se Elio, per rispondere, costruisce mappamondi dalle geografie tutte inventate e sbagliate - descrivendo così la terra magica dove abita l'invisibile e costringendo Teresa a correggere tutto con puntiglioso realismo -, i bimbi di Santa Giustina via via che crescono si allenano a non smettere di scorgere l'invisibile tra le pieghe del reale e a conservarlo a modo loro, in una sorta di gioco segreto. In una danza fatta di immaginazione, ricordo ed elaborazione del lutto, Teresa incontrerà i bambini diventati adulti nella notte più incredibile delle loro vite: quella durante la quale, per pochi istanti di eternità, riemergerà il paese sommerso di Santa Giustina. E con lui l'amore, il dolore, l'infanzia e tutta la meraviglia che si nasconde nell'invisibile.

Dettagli

Generi Romanzi e Letterature » Romanzi italiani

Editore Mondadori

Collana Novel

Formato Brossura

Pubblicato 22/05/2018

Pagine 202

Lingua Italiano

Isbn o codice id 9788804687597

1 recensioni dei lettori  media voto 3  su  5
Scrivi una recensione
5 star
0
4 star
0
3 star
1
2 star
0
1 star
0
L'atlante dell'invisibile asia_paglino

Asia Paglino - 10/05/2019 14:51

voto 3 su 5 3

Cè un vero confine tra il reale e la fantasia? Tra ciò in cui noi crediamo e ciò in cui gli altri credono? Qual è listante in cui crescendo diventa necessario smettere di fantasticare? E se quellistante non arrivasse mai? Questo libro ci racconta le storie di un gruppo di ragazzi che hanno vissuto con la fantasia come compagna, chi per via degli amici e chi per via di un amore, quel genere di fantasia capace di farci viaggiare, ragionare e compiere imprese eroiche, come quella di rubare la luna e poi, dopo anni, riposizionarla nel cielo. Le storie dei protagonisti partono da punti totalmente separati per poi avvicinarsi sempre di più, in periodi e in modi differenti, con storie più o meno comuni. Lo stile di scrittura riesce a bilanciare la lentezza centrale del romanzo, immergendo però il lettore nelle descrizioni accurate che lautore riesce a dare di luoghi, fatti e persone. Il modo migliore per capire questo romanzo è quello di leggerlo con gli occhi di un bambino e la comprensione di un adulto, per potersi trovare piccoli ancora una volta, anche se solo per il numero di queste pagine; per poter capire come gli stessi occhi riescano a percepire forme differenti.

Accedi o Registrati  per aggiungere una recensione

usa questo box per dare una valutazione all'articolo: leggi le linee guida
torna su Torna in cima