Mondadori Store

Trova Mondadori Store

Benvenuto
Accedi o registrati

lista preferiti

Per utilizzare la funzione prodotti desiderati devi accedere o registrarti

Vai al carrello
 prodotti nel carrello

Totale  articoli

0,00 € IVA Inclusa

L'autobiografia. 1.1872-1914
L'autobiografia. 1.1872-1914

L'autobiografia. 1.1872-1914

by Bertrand Russell
pubblicato da Longanesi

10,33
Esaurito
Consegna gratuita con spesa totale superiore a 24€
facebook tweet linkedin google whatsapp
Esaurito
Consegna gratuita con spesa totale superiore a 24€
facebook tweet linkedin google whatsapp

"Questa è stata la mia vita. Trovo che sia valsa la pena di viverla, e la rivivrei con gioia se me ne fosse offerta la possibilità". A questa epigrafe Russell ha affidato il senso della sua autobiografia: una conferma di quella fiducia negli uomini e nella ragione che lo accompagnò sempre nella sua battaglia per la "conquista della felicità". Nato in una famiglia aristocratica, il giovane Bertrand viene educato privatamente fino ai diciotto anni. Questo periodo, che vede maturare il suo giudizio e le sue scelte (a undici anni scopre la geometria, a diciotto diventa agnostico) in seno all'alta società vittoriana, è descritto con quell'incomparabile "lega" di humor e di rigore scientifico che dà il "tono" a tutta l'autobiografia (e, si può dire, a tutta la sua opera di scrittore). A diciotto anni, auspice Whitehead (che ne ha caldeggiato l'ammissione dopo averne letto la prova di esame), entra a Cambridge. Sono anni felici: conosce i fratelli Trevelyan, Sanger, Keynes, Lytton Strachey in periodi diversi. Fuori dell'università si lega d'amicizia con Sidney e Beatrice Webb (i fondatori della Società Fabiana, cui peraltro non aderirà mai). Nel '94 sposa, sfidando l'opposizione della famiglia, Alys Pearsall Smith, una giovane americana di famiglia quacchera, amica di Walt Whitman. Con Alys, per accontentare la famiglia, si trasferisce a Berlino con un incarico presso l'ambasciata britannica. Nella capitale tedesca, però, frequenta quasi esclusivamente i circoli socialdemocratici, dove conosce Bebel e Liebknecht padre. Di ritorno a Cambridge si lega di amicizia sempre più profonda con Whitehead (e incomincia la loro collaborazione scientifica). Si reca in America, dove è ospite di William James. Al ritorno pubblica 'Foundations of Geometry'. Nel '900 esce "The philosophy of Leibniz". Il millenovecento è un anno cruciale: conosce Peano e incomincia a scrivere "The Priciples of Mathematics". Un anno dopo dà inizio ai "Principia Mathematica"...

Dettagli

Generi Storia e Biografie » Biografie Diari e Memorie » Biografie e autobiografie

Editore Longanesi

Collana I grandi libri

Formato Illustrato

Pubblicato 01/01/1969

Pagine 416

Lingua Italiano

Titolo Originale The Autobiography of Bertrand Russell

Lingua Originale Inglese

Isbn o codice id 9788830402911

Traduttore Maria Paola Dettore Ricci  -  M. P. Dèttore

torna su Torna in cima