Mondadori Store

Trova Mondadori Store

Benvenuto
Accedi o registrati

lista preferiti

Per utilizzare la funzione prodotti desiderati devi accedere o registrarti

Vai al carrello
 prodotti nel carrello

Totale  articoli

0,00 € IVA Inclusa

La grande opera alchemica
La grande opera alchemica

La grande opera alchemica

by Gratianus
pubblicato da Mimesis

13,60
16,00
-15 %
16,00
Disponibile.
27 punti carta PAYBACK
Aggiungi al carrello
Consegna gratuita con spesa totale superiore a 24€
facebook tweet linkedin google whatsapp
Aggiungi al carrello
Consegna gratuita con spesa totale superiore a 24€
facebook tweet linkedin google whatsapp

"[...] benché l'Alchimia sia, nella via universale, in parte naturale e in parte artificiale, essa è però piuttosto naturale perché per natura nella via della vera Alchimia non è introdotto niente di estraneo o di alieno, poiché la natura possiede ciò in cui opera: le cose attive sono unite alle passive per mezzo di una unione e applicazione conveniente. Quanto al resto la natura opera di per sé". (Anonimo, Rosario dei filosofi)

Dettagli

Generi Esoterismo e Astrologia » Occulto , Religioni e Spiritualità » Altre religioni e fedi » Fedi alternative (Scientology, studi sull'occulto, satanismo¿)

Editore Mimesis

Collana Il flauto magico

Formato Brossura

Pubblicato 18/11/2015

Pagine 178

Lingua Italiano

Isbn o codice id 9788857531236

1 recensioni dei lettori  media voto 1  su  5
Scrivi una recensione
5 star
0
4 star
0
3 star
0
2 star
0
1 star
1
La grande opera alchemica mananni

mananni - 17/12/2015 15:50

voto 1 su 5 1

LA GRANDE OPERA ALCHEMICA di GRATIANUS ( IMPERTURBATUS ) Dopo Alchimia svelata dal mito , Gratianus imperturbatus questa volta alza il tiro e pubblica : LA GRANDE OPERA ALCHEMICA. Un boato s'ode nell'esoterismo nostrale che , come un bang sonico, ne scuote le fondamenta! Intrepido argonauta il Gratianus affronta ogni possibile nodo ,ogni trama, ogni fulcro della Grande Opera al fine di semplificare ogni cosa . Tutto il libro è un pot-pourri di citazioni mentre la simbologia , cardine dell'insegnamento esoterico, assume il ruolo di una pinzillacchera per volere del magnano meneghino. Diverte , ad esempio, il suo commento a una delle tarsie di Lorenzo Lotto ( la tarsia si chiama (1 ) La nutrizione del lapis ) dove si legge : N.B. La materia dona la propria essenza a 2 operatori , di cui notiamo gli occhi bendati . L'immagine ci ricorda che l'opera si compie esclusivamente per volere divino I riferimenti all'Emblema II dell'Atalanta Fugiens ( nutrix ejus terra est ) e al Symbola aurae mensae  ( lapis,ut infans, lacte nutriendus est verginali ) oltre che alla Philosophia Reformata di Mylius vengono ignorati come è costume di Gratianus . Sarebbe stato sufficiente all'indefesso Gratianus fare riferimento alla etimologia dove ', Amaltha significa "la nutrice", o "l'allevatrice", o forse anche "alma madre", per evitare di fare affermazioni fantasmagoriche . Il libro di Gratianus si può ridurre in una frase :l'Opera è una titanica lotta con il forno e con i suoi vapori malefici sulla via breve e pericolosa . Chi non condivide questo stacanovismo del forno è un reietto. Sia chiaro : il laboratorio è fondamentale . Ma il laboratorio va inteso alle condizioni poste da Eugène Canseliet , ovvero: Evidentemente, così come è necessario per ogni studio e disciplina, la lettura è indispensabile , per arricchire il subcosciente , questo magico fornitore della idonea indicazione nel momento propizio. E' sempre pregiudizievole passare all'esercizio del laboratorio senza una conoscenza perfetta della teoria ricavata dai libri, e bisogna , in primo luogo, ricordare l'importante apoftegma che che va sempre tenuto presente , secondo il quale la precipitazione è del diavolo : PRAECIPITATIO A DIABOLO Nouvelles études diverses sur la Discipline alchimique et le Sacré hermétique. Pag.46 In altre parole, laboratorio alchemico  richiede un operatore esperto di meccanica metallurgica o un un filosofo della Natura ? Lo dice la parola stessa : filosofo della Natura è un dono che fa la Natura a chi più le aggrada. Filosofi della Natura non si diventa con una semplice dritta data da chichessia.  Gratianus cita a ogni piè sospinto Paolo Lucarelli quale suo maestro .Dimentica che Lucarelli sosteneva che dichiararsi discepoli di un maestro ( nel suo caso Eugène Canseliet )non è opportuno perché si può far fare una brutta figura al proprio maestro. Gratianus non si pone questo problema quasi a voler imprimere un sigillo di autenticità alle sue affermazioni facendo credere che quanto da lui affermato era condiviso da Paolo Lucarelli . Nulla di più sbagliato. L'ALCHIMIA DI GRATIANUS NON E' L'ALCHIMIA DI PAOLO LUCARELLI. Rivolgersi ad un sedicente intermediario rende certamente la strada più facile quanto falsa come direbbe Gratianus. Giovanni Di Girolamo (1) Per chi vuole approfondire cerchi su Google Lorenzo Lotto : philosophus per ignem

Accedi o Registrati  per aggiungere una recensione

usa questo box per dare una valutazione all'articolo: leggi le linee guida
torna su Torna in cima