Mondadori Store

Trova Mondadori Store

Benvenuto
Accedi o registrati

lista preferiti

Per utilizzare la funzione prodotti desiderati devi accedere o registrarti

Vai al carrello
 prodotti nel carrello

Totale  articoli

0,00 € IVA Inclusa

NOME: Gigi
COGNOME: Berté
CAPIGLIATURA: già brizzolata
TAGLIA: (troppo) large
PENSIERO: sottile
INTELLIGENZA: spessa
PIANTA PREFERITA: paulonia
PUNTUALITÀ: lombarda
GELOSIA: calabra
VIZIO CHE NON HA PIÙ: fumo
VIZIO CHE HA SEMPRE: mangiare molto
INSOFFERENZA 1: locali affollati
INSOFFERENZA 2: andare per negozi
STILE (secondo la Patty): antiquato
STILE (secondo la Marzia): classico

Il suo nome è Gigi Berté. Commissario Berté. C'è una macchia nel suo passato, un buco nero che gli è costato il trasferimento da Milano a Lungariva, uno di quei paesini liguri che sono troppo pieni d'estate e troppo vuoti d'inverno. In attesa di trovare casa, vive nella pensione della Marzia, una donna bella ma decisamente sovrappeso, l'esatto contrario del suo immaginario erotico. Il commissario ha un segreto che non ha mai rivelato a nessuno: scrive racconti gialli e surreali. Ma poi il morto ammazzato arriva per davvero.
In un angolo della spiaggia di Lungariva, in mezzo ai bagnanti. Per il commissario Berté è arrivata l'ora di mettersi al lavoro e chissà se per risolvere il caso gli servirà di più la sua esperienza di poliziotto o il suo intuito di scrittore? Dietro lo pseudonimo di Gigi Berté si nasconde un vicequestore in carne e coda, che opera in un commissariato italiano.
Per ovvie ragioni di riservatezza, Gigi non ha potuto esporsi con il suo vero nome. Anche dietro il nome Emilio Martini si cela qualcuno in carne e penna, che conosce bene il commissario e che però preferisce restare nell'ombra.

La nostra recensione

Un giallo nel giallo: chi è il vero vicequestore che ha ispirato le avventure del Commissario Berté, l'arrivo più recente nella schiera dei polizieschi italiani? E quale autore si cela dietro lo pseudonimo di Emilio Martini? Se a queste domande ancora non si può dare risposta, non ci sembra difficile identificare il paese ligure celato sotto il nome di Lungariva, dove il commissario Berté è stato mandato in punizione, dopo essersi cacciato nei guai a Milano: alcune specialità gastronomiche fanno pensare a Santa Margherita Ligure, ma in fondo non è importante trovare l'ambientazione reale del romanzo, perché questo è un libro nutrito di libri, sia perché il protagonista è un forte lettore, sia perché è anche un aspirante scrittore, e parallelamente alla sua indagine sulla morte di una donna lapidata in spiaggia, porta avanti la stesura di un racconto che sembra di pura invenzione, ma a poco a poco lascia intuire i riferimenti con la vita dello stesso Berté, in crisi tra il rimpianto di ciò che ha lasciato a Milano e la curiosità del nuovo ambiente che lo ha accolto.
Daniela Pizzagalli

Dettagli

Generi Gialli Noir e Avventura » Gialli, mistery e noir , Romanzi e Letterature » Gialli, mistery e noir

Editore Corbaccio

Formato Ebook con Adobe DRM

Pubblicato 12/07/2012

Lingua Italiano

EAN-13 9788863804652

1 recensioni dei lettori  media voto 0  su  5
Scrivi una recensione
5 star
0
4 star
0
3 star
0
2 star
0
1 star
0
La regina del catrame

Anonimo - 23/07/2012 09:09

voto 0 su 5 1

davvero notevole. Originale e scritto bene

Accedi o Registrati  per aggiungere una recensione

usa questo box per dare una valutazione all'articolo: leggi le linee guida
torna su Torna in cima