Mondadori Store

Trova Mondadori Store

Benvenuto
Accedi o registrati

lista preferiti

Per utilizzare la funzione prodotti desiderati devi accedere o registrarti

Vai al carrello
 prodotti nel carrello

Totale  articoli

0,00 € IVA Inclusa

Mamma li turchi. Il leone e la mezzaluna
Mamma li turchi. Il leone e la mezzaluna

Mamma li turchi. Il leone e la mezzaluna

by Roberto Gargiulo
pubblicato da Biblioteca dell'Immagine

11,05
13,00
-15 %
13,00
Disponibile.
22 punti carta PAYBACK
Aggiungi al carrello
Consegna gratuita con spesa totale superiore a 24€
facebook tweet linkedin google whatsapp
Aggiungi al carrello
Consegna gratuita con spesa totale superiore a 24€
facebook tweet linkedin google whatsapp

All'alba del 5 aprile 1453 gli abitanti di Costantinopoli furono risvegliati da un immane clamore che proveniva dall'esterno delle mura della grande antica capitale d'Oriente. Quelli tra loro che riuscirono a giungere sino alla sommità dei bastioni scorsero uno spettacolo al tempo stesso terribile e fantastico. Tutto il territorio tra il Mar di Marmara e il Corno d'Oro era ricoperto da una moltitudine di fanti, cavalieri e marinai, vestiti nelle fogge più diverse, che si agitava al ritmo di trombe e tamburi. Non vi era però nulla di festoso in quello spettacolo e i più avveduti capirono invece che era iniziato l'atto finale della millenaria storia della grande città erede di Roma e del suo Impero. Quell'immenso esercito era infatti guidato da un giovane sovrano di ventitrè anni, Maometto II, sultano dei Turchi, che aveva fatto della conquista di Bisanzio, frutto proibito per tutti i suoi antenati, uno degli scopi del suo regno. La fine di Bisanzio viene spesso fatta coincidere dagli storici con la fine del Medioevo e c'è del vero in questo principio. Quel che è certo è che coincise con l'inizio di una lunga linea di sangue, i cui sintomi erano da tempo evidenti, destinata a mutare profondamente gli equilibri dell'intera Europa orientale e i destini individuali di centinaia di migliaia di uomini. Da quel momento tra i villaggi e le popolazioni dei Balcani, dell'Austria e dei territori orientali e costieri dell'Italia risuonò sempre più spesso un grido che, se nelle diverse lingue e dialetti assumeva toni ed echi differenti, conservava tra i profughi stiriani, sloveni, ungheresi, carinziani, friulani, pugliesi o calabresi, un comune significato di terrore ed il costante timore per un futuro di dolore e schiavitù: "Mamma li Turchi".

Dettagli

Generi Storia e Biografie » Storia dell'Europa » Storia di altri terrritori » Storia d'Italia e delle Regioni italiane » Storia d'Italia

Editore Biblioteca Dell'immagine

Collana Storia

Formato Brossura

Pubblicato 01/01/2006

Pagine 200

Lingua Italiano

Isbn o codice id 9788889199411

0 recensioni dei lettori  media voto 0  su  5

Scrivi una recensione per "Mamma li turchi. Il leone e la mezzaluna"

Mamma li turchi. Il leone e la mezzaluna
 

Accedi o Registrati  per aggiungere una recensione

usa questo box per dare una valutazione all'articolo: leggi le linee guida
torna su Torna in cima