Mondadori Store

Trova Mondadori Store

Benvenuto
Accedi o registrati

lista preferiti

Per utilizzare la funzione prodotti desiderati devi accedere o registrarti

Vai al carrello
 prodotti nel carrello

Totale  articoli

0,00 € IVA Inclusa

Mirador. Irène Némirovsky mia madre
Mirador. Irène Némirovsky mia madre

Mirador. Irène Némirovsky mia madre

Elisabeth Gille
pubblicato da Fazi

Prezzo online:
17,10
18,00
-5 %
18,00
Disponibilità immediata. la disponibilità è espressa in giorni lavorativi e fa riferimento ad un singolo pezzo
34 punti carta PAYBACK
Prodotto acquistabile con Carta del Docente e 18App

"Mirador" non è una semplice biografia di Irène Némirovsky. E la scrittrice stessa che, attraverso la voce della figlia, Elisabeth Gille, ci racconta in prima persona di sé e della propria vita. E rievoca con accenti intimi e originali la Russia lacerata e suggestiva dell'infanzia e dell'adolescenza. Poi, dopo l'esilio seguito alla Rivoluzione d'Ottobre, sono la Francia e Parigi lo scenario in cui Irene spicca il volo e diventa famosa. Infine la provincia francese è il teatro che vede svolgersi l'ultimo atto della sua esistenza, che è anche l'ultimo atto di una borghesia colta ma incapace di cogliere i segni premonitori della tragedia che si sta abbattendo sull'Europa e che troppo tardi si accorge della furia che travolgerà milioni di persone, come la stessa Irène, deportata nel 1942 ad Auschwitz, dove morì di tifo un mese dopo. "Mirador" è uno sguardo intimo e privilegiato sui suoi legami con il padre e la madre, il marito e le figlie, la fatica della continua fuga fino alla drammatica fine. Numerosi sono i nodi affrontati - la fama e le sue illusioni, il giudaismo e la Shoah -, ma è il tema fondamentale della vita familiare e della maternità a dominare la narrazione. Il rapporto tormentato, seppur breve, tra Elisabeth e la madre Irène è il filo rosso che lega ogni vicenda di questo racconto... Prefazione e intervista di René de Ceccatty.

La nostra recensione

"Élisabeth Gille aspettò di aver superato i cinquant'anni prima di cimentarsi con la madre. Dedicando il suo primo libro alla biografia di Irène Némirovsky e scrivendolo in prima persona, ha dimostrato, chiaro e tondo, che la sua carriera di scrittrice era stata frenata fino ad allora proprio da quel motivo centrale e da quella situazione difficile: essere la figlia di una scrittrice. Ma non di una qualsiasi: di una scrittrice stroncata dall'odio razziale, al culmine della sua gloria."
Pubblicato in Francia per la prima volta nel 1992, Mirador. Irène Némirovsky, mia madre è la biografia di Irène Némirovsky scritta da Élisabeth Gille, la figlia secondogenita. Scampata insieme alla sorella Denise Epstein ai lager nazisti, in cui invece trovarono la morte i genitori, ha votato la propria vita alla letteratura ed è stata traduttrice, scrittrice e direttrice editoriale di grandi case editrici.
Profondo e intenso come tutti i romanzi della Némirovski, Mirador. Irène Némirovsky, mia madre è uno sguardo intimo e privilegiato sui suoi legami famigliari. Numerosi sono i nodi affrontati - la fama e le sue illusioni, il giudaismo e la Shoah -, ma a dominare la narrazione è il tema fondamentale della vita familiare e della maternità, mentre il rapporto tormentato, seppur breve, tra Élisabeth e la madre Irène è il filo che lega ogni vicenda di questo racconto appassionato che getta una nuova luce sulla vita e sull'opera della grande scrittrice.
La curiosità.
La copertina del volume Mirador. Irène Némirovsky, mia madre ritrae in un'antica foto color seppia proveniente dal Fonds Irène Némirovsky, una madre con le sue figlie che sorridono serene sulla spiaggia di Hendaye. Sono gli anni che precedono lo scoppio della II Guerra Mondiale, ma il vento della storia sta per dividere per sempre questa famiglia.
Valeria Merlini

Dettagli

0 recensioni dei lettori  media voto 0  su  5

Scrivi una recensione per "Mirador. Irène Némirovsky mia madre"

Mirador. Irène Némirovsky mia madre
 

Accedi o Registrati  per aggiungere una recensione

usa questo box per dare una valutazione all'articolo: leggi le linee guida
torna su Torna in cima