Mondadori Store

Trova Mondadori Store

Benvenuto
Accedi o registrati

lista preferiti

Per utilizzare la funzione prodotti desiderati devi accedere o registrarti

Vai al carrello
 prodotti nel carrello

Totale  articoli

0,00 € IVA Inclusa

Necessitas non habet legem? Prime riflessioni sulla gestione costituzionale dell'emergenza coronavirus
Necessitas non habet legem? Prime riflessioni sulla gestione costituzionale dell'emergenza coronavirus

Necessitas non habet legem? Prime riflessioni sulla gestione costituzionale dell'emergenza coronavirus

Alfonso Celotto
pubblicato da Mucchi

Prezzo online:
7,60
8,00
-5 %
8,00
Disponibile.
15 punti carta PAYBACK
Prodotto acquistabile con Carta del Docente e 18App

Dopo due mesi di questa imprevedibile emergenza sanitaria, già si può tracciare un primo bilancio di come è stata gestita dal punto di vista costituzionale. Il modello nei fatti adottato si è basato su un significativo potere del Governo, mediante dpcm, autorizzati in via generale da decreti-legge. Sono così stati fortemente limitati gran parte dei diritti fondamentali dei cittadini, a partire dalla libertà personale e di circolazione e soggiorno, in nome dell'interesse collettivo alla salute. Peraltro, le limitazioni hanno assunto un quadro composito, per i numerosi interventi non solo del Governo centrale, ma anche di Regioni e Comuni, mentre il Parlamento non è riuscito a svolgere il proprio ruolo di garante della sovranità popolare e del dibattito pluralistico, anche nella applicazione delle riserve di legge. Pur mancando in Italia un vero e proprio statuto costituzionale dell'emergenza, a ben vedere l'impianto della Carta repubblicana comunque fornisce le soluzioni adeguate per casi del genere, in quella visione "presbite" già prefigurata da Calamandrei. Si sarebbe potuto attuare l'art. 78 Cost. con una lettura estensiva della nozione di guerra e l'attribuzione dei poteri necessari al Governo. O, quanto meno, intervenire con decreti-legge, in pieno rispetto all'impianto costituzionale. Aver limitato diritti e libertà con una fonte anomala come il dpcm, per quanto coperto dalla abilitazione con i d.l. n. 6 e poi n. 19 del 2020, comunque rappresenta un vulnus dell'assetto costituzionale, anche perché ha eliminato il controllo del Presidente della Repubblica in sede di emanazione e la conversione da parte del Parlamento. Del resto, è mancato anche un potere centrale di indirizzo e coordinamento rispetto agli enti locali, indispensabile per non lasciare il cittadino allo sbando di un profluvio di ordinanze contraddittorie e intrecciate.

Dettagli

Generi Politica e Società » Politica e Istituzioni » Costituzione, Governo e Stato » Strutture e processi politici » Problemi e Processi sociali » Calamità e Carestie

Editore Mucchi

Collana Piccole conferenze

Formato Brossura

Pubblicato 29/05/2020

Pagine 80

Lingua Italiano

Isbn o codice id 9788870008494

0 recensioni dei lettori  media voto 0  su  5

Scrivi una recensione per "Necessitas non habet legem? Prime riflessioni sulla gestione costituzionale dell'emergenza coronavirus"

Necessitas non habet legem? Prime riflessioni sulla gestione costituzionale dell
 

Accedi o Registrati  per aggiungere una recensione

usa questo box per dare una valutazione all'articolo: leggi le linee guida
torna su Torna in cima