Mondadori Store

Trova Mondadori Store

Benvenuto
Accedi o registrati

lista preferiti

Per utilizzare la funzione prodotti desiderati devi accedere o registrarti

Vai al carrello
 prodotti nel carrello

Totale  articoli

0,00 € IVA Inclusa

Ortogonali. 2.

by Eugenia Berti Lindblad
pubblicato da Aletti

10,20
12,00
-15 %
12,00
Disponibile.
20 punti carta PAYBACK
Aggiungi al carrello
Consegna gratuita con spesa totale superiore a 24€
facebook tweet linkedin google whatsapp
Aggiungi al carrello
Consegna gratuita con spesa totale superiore a 24€
facebook tweet linkedin google whatsapp

"Finora ho detto folli, ma avrei potuto dire poeti. L'invenzione del punto, della retta e del piano è un atto poetico. La costruzione delle coordinate cartesiane è un gesto poetico. E compito e condanna della poesia arare lo spazio, produrre forme nel e dall'informe, creare mappe capaci di dire con parole frammenti di quella totalità altrimenti inanalizzabile che è un territorio. A questo ho pensato leggendo le poesie di "Ortogonali". La realtà, soprattutto quella dentro di noi, è come il piano di Euclide, inafferrabile, impensabile, informe. Un blob o magma al tempo stesso attraente e minaccioso. Carica di speranze, desideri inconfessabili, ambiguità tanto attraenti quanto repellenti, sogni che invece di alleviare aprono brecce pericolose nelle nostre difese e nelle routines riposanti: le abitudini degli affetti, dei corpi, dei legami. Così com'è, cosa se ne può dire o conoscere? Occorrono la poesia, e il gesto di Cartesio. Appunto un insieme di versi intitolato "Ortogonali". Non per mettere ordine, ma per riconoscere e rendere in qualche modo pensabile il disordine collegato agli aspetti e alle dinamiche-chiave dell'esistenza: l'origine ("Esordio"); la trappola ("Trapped") di cui l'utero materno è figura primaria carica di soffocamento ma anche di attesa della nascita e della libertà; il "Black&Noir" delle antinomie e polarità della nostra vita profonda; e poi l'"Amore", la "Solitudine", la fine dell'"Epilogo". Fino alle "Poleis", le molte città-stato presenti nelle poesie, e che sono i riferimenti delle nostre identità multiple. Tutto questo riassunto in due versi che condensano la contraddittorietà delle coordinate cartesiane "ortogonali": «Non puoi intersecare due poli / Lascia che io rimanga altrove. Le rette incrociate dicono sempre dove sto, ma lasciatemi fuggire da dove sto ed essere sempre anche altrove, fuori dalla mappa e dai suoi confini, nello spazio ancora vergine e aperto del territorio»." (Dall'Introduzione di Enrico Pozzi)

Dettagli

Generi Romanzi e Letterature » Poesia

Editore Aletti

Collana Gli emersi poesia

Formato Libro

Pubblicato 13/05/2017

Pagine 64

Lingua Italiano

Isbn o codice id 9788859142218

0 recensioni dei lettori  media voto 0  su  5

Scrivi una recensione per "Ortogonali. 2."

Ortogonali. 2.
 

Accedi o Registrati  per aggiungere una recensione

usa questo box per dare una valutazione all'articolo: leggi le linee guida
torna su Torna in cima