Mondadori Store

Trova Mondadori Store

Benvenuto
Accedi o registrati

lista preferiti

Per utilizzare la funzione prodotti desiderati devi accedere o registrarti

Vai al carrello
 prodotti nel carrello

Totale  articoli

0,00 € IVA Inclusa

Pensieri parole e omissioni è una raccolta di racconti. Il protagonista è quasi sempre un egocentrico, narcisista. Conosce molta gente, ma ha pochi amici. Ha successo con le donne, ma è tremendamente insicuro. Probabilmente beve troppo e questo lo rende molto diretto in quello che dice, talvolta esagerato. Fatica ad accettare i suoi limiti, a impegnarsi seriamente in qualcosa, e ad affrontare la vita, e per questo cerca di godersela il più possibile. Ma talvolta si ferma a riflettere e si rende conto di quanto sia incompleto e fragile. Pensieri perché il protagonista ne fa tanti, di pensieri, forse troppi. Le parole, invece, lo aiutano a crearsi quella maschera di invincibile, intoccabile essere umano. Le usa con maestria riuscendo a convincere le persone di essere un privilegiato, di meritare l'invidia a cui aspira. E le omissioni be', le omissioni sono tutte le cose - e sono la maggior parte - che non riesce portare a termine.

Dettagli

Generi Romanzi e Letterature » Romanzi contemporanei

Editore 0111edizioni

Formato Ebook con Adobe DRM

Pubblicato 05/11/2018

Lingua Italiano

EAN-13 9788893702461

1 recensioni dei lettori  media voto 3  su  5
Scrivi una recensione
5 star
0
4 star
0
3 star
1
2 star
0
1 star
0
Pensieri parole e omissioni ettore.leandri

ettore.leandri - 10/08/2019 13:55

voto 3 su 5 3

Davvero tanti racconti, tutti più o meno con storie riguardanti alcool, sesso e narrate con un linguaggio schietto, senza censure e a volte anche volgare: la caratteristica che li lega è la scrittura in prima persona e la chiara rappresentazione di tutti i pensieri, anche quelli più nascosti e le emozioni del protagonista. Alcuni racconti mi hanno colpito per la loro chiarezza e aderenza alla realtà, ho anche sorriso per le varie situazioni, mentre altri mi sono piaciuti meno, forse per la troppa volgarità o per il finale poco incisivo o tagliente. Nel complesso unopera discreta.

Accedi o Registrati  per aggiungere una recensione

usa questo box per dare una valutazione all'articolo: leggi le linee guida
torna su Torna in cima