Mondadori Store

Trova Mondadori Store

Benvenuto
Accedi o registrati

lista preferiti

Per utilizzare la funzione prodotti desiderati devi accedere o registrarti

Vai al carrello
 prodotti nel carrello

Totale  articoli

0,00 € IVA Inclusa

Il laico non nega l'esperienza, e anche la rilevanza civile, della religione, ma difende il proprio spazio di autodeterminazione in questioni che attengono all'ordinamento dello Stato e ai diritti di tutti i cittadini. È la posizione - intransigente e rigorosa nei principi, duttile ed equilibrata nelle procedure suggerite - di Stefano Rodotà. Roberto Esposito, "la Repubblica" Un libro importante, da leggere in questi tempi bui. Maurizio Ferraris, "Il Secolo XIX" Già dal titolo, questo libro è una dichiarazione di intenti, non una professione di fede. Sarebbe un ottimo libro di testo per le scuole medie superiori, perché ripone le questioni di attualità in un contesto comprensibile e le misura con i nodi irrisolti della storia politica italiana, della vita pubblica che si confronta con quella privata. Gabriele Polo, "il manifesto" «Questo libro non è una professione di fede. È una riflessione sulla laicità non come polo oppositivo, che più d'uno vorrebbe rimuovere, ma come componente essenziale del discorso pubblico in democrazia. È dunque guidato da un profondo convincimento democratico, non dall'idea di spaccare il mondo in due, tra credenti e non credenti. Vuole tenere ferma la bussola dei principi, misurandosi però in ogni momento con i fatti.»

Dettagli

Generi Politica e Società » Studi interdisciplinari e culturali , Storia e Biografie » Storia sociale e culturale

Editore Editori Laterza

Formato Ebook con Adobe DRM

Pubblicato 01/05/2014

Lingua Italiano

EAN-13 9788858113714

0 recensioni dei lettori  media voto 0  su  5

Scrivi una recensione per "Perché laico"

Perché laico
 

Accedi o Registrati  per aggiungere una recensione

usa questo box per dare una valutazione all'articolo: leggi le linee guida
torna su Torna in cima