Mondadori Store

Trova Mondadori Store

Benvenuto
Accedi o registrati

lista preferiti

Per utilizzare la funzione prodotti desiderati devi accedere o registrarti

Vai al carrello
 prodotti nel carrello

Totale  articoli

0,00 € IVA Inclusa

Polpo immondo. Tabù alimentari nel mondo antico

Giovanni Sole
pubblicato da Rubbettino

Prezzo online:
12,35
13,00
-5 %
13,00
Disponibile in 4-5 giorni. la disponibilità è espressa in giorni lavorativi e fa riferimento ad un singolo pezzo
25 punti carta PAYBACK
Prodotto acquistabile con Carta del Docente e 18App

In alcune comunità religiose del mondo antico, il divieto di mangiare polpi era parte di una struttura di pensiero che si esprimeva per coppie d'opposti: sacro e profano, mondo e immondo, puro e impuro, lecito e illecito. I cibi erano consentiti o proibiti non perché influenzassero la salute di corpo e anima ma perché si avvertiva il bisogno di ordinare il mondo. L'octopus, oltre ad incarnare vizi e difetti degli uomini, era considerato un mostro votato al male e all'annientamento. Le narrazioni su polpi maestosi, orrendi e famelici erano funzionali alla società: rafforzavano la fede, rinsaldavano la coesione sociale e dettavano regole a cui tutti dovevano sottomettersi. Kraken, piovre e cefalopodi giganteschi rappresentavano la fase primordiale, mai superata e dominata dagli istinti bestiali, nella quale gli uomini, per mancanza di regole, potevano precipitare in qualsiasi momento.

Dettagli

Generi Storia e Biografie » Storia sociale e culturale » Periodi storici » Storia antica , Gastronomia » Cibo e Società , Politica e Società » Studi interdisciplinari e culturali

Editore Rubbettino

Collana Varia

Formato Brossura

Pubblicato 16/11/2017

Pagine 158

Lingua Italiano

Isbn o codice id 9788849852028

0 recensioni dei lettori  media voto 0  su  5

Scrivi una recensione per "Polpo immondo. Tabù alimentari nel mondo antico"

Polpo immondo. Tabù alimentari nel mondo antico
 

Accedi o Registrati  per aggiungere una recensione

usa questo box per dare una valutazione all'articolo: leggi le linee guida
torna su Torna in cima