Mondadori Store

Trova Mondadori Store

Benvenuto
Accedi o registrati

lista preferiti

Per utilizzare la funzione prodotti desiderati devi accedere o registrarti

Vai al carrello
 prodotti nel carrello

Totale  articoli

0,00 € IVA Inclusa

La proposta di regolamento unionistico sulle vendite mobiliari transfrontaliere costituisce un germe nella direzione dell'avvicinamento delle discipline contrattuali. Essa si pone nel dialogo più generale dei formanti normativo e dottrinale nella materia del contratto.
Si esaminano: lo stato del processo europeo in tema di disciplina comune dei contratti e speciale dei contratti consumeristici; la pretesa autonomia del regolamento ed il rapporto con i princìpi e le clausole generali; la tecnica del multilivello e dei controlimiti e il ruolo delle carte fondamentali; la buona fede e l'abuso; la ragionevolezza contrattuale; la forma; la negoziazione individuale; l'iniquo sfruttamento e l'eccessiva onerosità sopravvenuta; gli obblighi informativi precontrattuale e l'abuso tra professionisti. La proposta di regolamento evidenzia una scelta contrattuale che supera l'impianto volontaristico e approda con cautela ad un impianto normativo volto ad introdurre un principio di «giustizia» contrattuale.
Una giustizia contrattuale fatta non di equivalenza ma del «giusto mezzo» aristotelico, che nel riflettere l'art. 41 cost. vuole impedire che il contratto trasmodi in uno strumento di «inutilità sociale».
L'utilità sociale non è negatrice di quella individuale ma postula una sintassi tra l'utile individuale e quello sociale, tra la giustizia commutativa e quella distributiva, tra il divieto di discriminazione e l'eguaglianza sostanziale.
L'utilità sociale non è soltanto uno strumento di ri-equilibrio delle posizioni soggettive sbilanciate o di rilevanza giuridica dell'interesse meritevole della controparte quale fattore consustanziale della situazione giuridica complessa, essa va oltre.
Con essa si vuole impedire che l'agire contrattuale (sia nella fase statica che in quella dinamica) si riveli, per fattori anche estranei alle volontà soggettive, fonte di «inutilità sociale», di «insicurezza», di «soggezione abusiva», di «attentato alla dignità della persona», ossia fonte di ingiustizia individuale e sociale.

Dettagli

Generi Economia Diritto e Lavoro » Diritto

Editore Edizioni Scientifiche Calabresi

Formato Ebook con Adobe DRM

Pubblicato 22/06/2015

Lingua Italiano

EAN-13 9788889464250

0 recensioni dei lettori  media voto 0  su  5

Scrivi una recensione per "Princìpi e clausole generali nella proposta di regolamento europeo della vendita transfrontaliera"

Princìpi e clausole generali nella proposta di regolamento europeo della vendita transfrontaliera
 

Accedi o Registrati  per aggiungere una recensione

usa questo box per dare una valutazione all'articolo: leggi le linee guida
torna su Torna in cima