Mondadori Store

Trova Mondadori Store

Benvenuto
Accedi o registrati

lista preferiti

Per utilizzare la funzione prodotti desiderati devi accedere o registrarti

Vai al carrello
 prodotti nel carrello

Totale  articoli

0,00 € IVA Inclusa

Psicoecologia
Psicoecologia

Psicoecologia

by Silvia Garozzo
pubblicato da Aldenia Edizioni

13,30
14,00
-5 %
14,00
Disponibile a partire dal 20/08/2018.
27 punti carta PAYBACK
Aggiungi al carrello
Consegna gratuita con spesa totale superiore a 24€
facebook tweet linkedin google whatsapp
Aggiungi al carrello
Consegna gratuita con spesa totale superiore a 24€
facebook tweet linkedin google whatsapp

Dettagli

Generi Psicologia e Filosofia » Psicologia: Scuole e Teorie » Scuole di pensiero

Editore Aldenia Edizioni

Formato Libro

Pubblicato 14/05/2013

Pagine 120

Lingua Italiano

Isbn o codice id 9788896618264

2 recensioni dei lettori  media voto 5  su  5
Scrivi una recensione
5 star
2
4 star
0
3 star
0
2 star
0
1 star
0
Psicoecologia luigi2014

luigi2014 - 03/05/2014 15:50

voto 5 su 5 5

Perché il parto viene trattato come una malattia e i figli cresciuti secondo schemi invariati da troppi anni? Perché la vita è una continua corsa al benessere fisico che distrugge quello psicologico? Cosa si può fare per sopravvivere allo stress, per trovare tranquillità e riacquistare fiducia nei valori essenziali della vita? La decrescita felice è una delle risposte possibili. Una psicoterapeuta ci spiega con semplicità come si può intraprendere questa strada. E' un libro per tutti. Psicoecologia è parola nuova di memoria Batesoniana. In questo libro, diretto a noi tutti e scritto per tutti, ne comprendiamo il significato e scopriamo che il tema dell'ecologia non riguarda solo l'ambiente, ma anche le persone, noi, proprio noi e i nostri figli. Il tema è interessante, da approfondire.

Psicoecologia sandrarebecchi

Sandra Rebecchi - 24/05/2013 15:29

voto 5 su 5 5

In un periodo di crisi mondiale, economica e culturale, mentre sono in atto mutazioni e cambiamenti epocali, mentre tutto viene messo in discussione e le certezze vengono minate una ad una, le persone non vivono bene, soffrono un profondo disagio personale e collettivo. Apprendiamo dalla stampa e in rete che disturbi psichici e psicopatologie sono in aumento, anche scegliendo di non considerare i casi più eclatanti in cui disturbi gravi portano alcuni individui a suicidarsi. La società e i singoli, i comuni mortali e gli psicoterapeuti (o psichiatri) sono attrezzati per combattere questa nuova realtà? E soprattutto cosa potremmo fare tutti noi per stare meglio, per vivere una vita più serena e meno sofferta? Per chiarirsi le idee occorre cominciare a parlare linguaggi diversi e convincersi che sono ormai decadute alcune categorie di pensiero, ad alcune delle quali le persone più attempate come me sono assuefatte e anche affezionate. In questo libro una psicoterapeuta ci accompagna verso una diversa visione della realtà, incoraggiando tutti noi ad utilizzare un filtro proficuo per losservazione della nostra vita quotidiana. A partire dallanalisi dello stato attuale della scienza psicologica, prende in esame le relazioni fra persone allinterno della moderna società e dei suoi stili di vita e ci fornisce la speranza di un nuovo futuro. Il libro si inserisce nel discorso iniziato da un economista francese, Serge Latouche, teorizzatore della decrescita felice, che nel 1981 ha fondato, insieme ad altri studiosi, il movimento Mauss, Mouvement anti-utilitariste dans le sciences sociales. Ancora oggi Latouche combatte il consumismo e gli effetti collaterali negativi della crescita e ci invita tutti ad una acrescita, ad abbandonare cioè i comportamenti indotti dalle fede nelleconomia, nel progresso, nello sviluppo. Il discorso, complesso e articolato, contiene le esperienze professionali dellautrice unitamente a quelle umane, di donna, di figlia, di madre. La consapevolezza della attuale difficoltà di tutti a mantenere sane relazioni famigliari e sociali, a perseguire oggetti del desiderio impostici dalla società dei consumi, a superare false priorità alle quali siamo assuefatti, diviene pagina dopo pagina un invito a rallentare, a riconsiderare, a guardare meglio, a non lasciarsi ingannare dalla promessa di miracoli politici, a lavorare per il nostro benessere e, quindi, per il futuro. Un nuovo Rinascimento è possibile? Secondo Silvia Garozzo, sì.

Accedi o Registrati  per aggiungere una recensione

usa questo box per dare una valutazione all'articolo: leggi le linee guida
torna su Torna in cima