Mondadori Store

Trova Mondadori Store

Benvenuto
Accedi o registrati

lista preferiti

Per utilizzare la funzione prodotti desiderati devi accedere o registrarti

Vai al carrello
 prodotti nel carrello

Totale  articoli

0,00 € IVA Inclusa

Regine e dame alla corte dei re d'Italia
Regine e dame alla corte dei re d'Italia

Regine e dame alla corte dei re d'Italia

by Claudio Alberto Andreoli
pubblicato da Edimond

11,20
28,00
-60 %
Outlet del libro fino al -60%
28,00
Outlet del libro fino al -60%
Disponibile.
22 punti carta PAYBACK
Prodotto acquistabile con Carta del Docente e 18App
Aggiungi al carrello
Consegna gratuita con spesa totale superiore a 24€
facebook tweet linkedin whatsapp
Aggiungi al carrello
Consegna gratuita con spesa totale superiore a 24€
facebook tweet linkedin whatsapp

Regine e dame alla corte dei re d'Italia compie un excursus nella storia della nostra nazione dall'inizio del XIX secolo fino ai giorni nostri. Le figure di sovrane che animano queste pagine sono le quattro regine d'Italia: Maria Adelaide d'Asburgo-Lorena, consorte di Vittorio Emanuele II; Margherita di Savoia-Genova, moglie di Umberto I; Elena Petrovich di Montenegro, moglie di Vittorio Emanuele III; Maria José Sassonia-Coburgo-Gotha del Belgio, moglie di Umberto II. Maria Adelaide fu regina Sardegna dal 1849 al 1855, ma morì, molto giovane, sei anni prima della proclamazione del regno d'Italia dell'incoronazione di Vittorio Emanuele II; tuttavia fu la madre del secondo re d'Italia Umberto I e può essere considerata la prima regina d'Italia in vinculomortis. La regina Margherita si avvicinò molto al popolo, fu una sovrana benvoluta, ma dovette dividere per tutta la vita il suo regno con la duchessa Eugenia Litta Visconti. La regina Elena, invece, sedette per quarantasei anni sul trono d'Italia, ebbe la fortuna di un matrimonio felice e si dedicò completamente ai malati e ai poveri, fondando ospedali e istituti benefici, non risparmiandosi a curare feriti durante la guerra. L'ultima regina d'Italia, Maria José, fu definita la 'regina di maggio' perché regnò un mese soltanto: dopo l'abdicazione di Vittorio Emanuele III, con il referendum popolare del 2 giugno 1946 venne infatti proclamata la repubblica e l'appena insediato re Umberto II e la sua famiglia dovettero abbandonare l'Italia.

0 recensioni dei lettori  media voto 0  su  5

Scrivi una recensione per "Regine e dame alla corte dei re d'Italia"

Regine e dame alla corte dei re d
 

Accedi o Registrati  per aggiungere una recensione

usa questo box per dare una valutazione all'articolo: leggi le linee guida
torna su Torna in cima