Mondadori Store

Trova Mondadori Store

Benvenuto
Accedi o registrati

lista preferiti

Per utilizzare la funzione prodotti desiderati devi accedere o registrarti

Vai al carrello
 prodotti nel carrello

Totale  articoli

0,00 € IVA Inclusa

L'autore affronta il problema dell'anima, alla luce di recenti, e anche non recentissime, conquiste della scienza, dall'antropologia, alla biologia neoevoluzionistica, alla genetica e alla endocrinologia. Contestando le versioni correnti insegnate nei catechismi religiosi "sull'anima", fin dall'infanzia, l'autore sostiene che la natura psichica "memica" di essa, si genera attraverso la selezione-evoluzione ai fini della sopravvivenza. Essa manifesta nell'uomo anche il desiderio che le sapienze accumulate in vita (nel bene o nel male) restino a disposizione dei successori, anche dopo la morte, affinché confluiscano nelle meme-culture alla salvaguardia della specie Homo Sapiens, cioè delle civiltà che finora ha costruite. Da qui il "desiderio d'immortalità". Questo sentimento ha natura endocrina genetica. Alcuni geni infatti codificano alcune note sostanze ormonali fautrici di solidarietà, amicizia, amore, altruismo. Questi veri e propri "ormoni dell'amore" premono perché le esperienze e le scoperte di una vita collaborino nella salvaguardia dell'umanità. L'uomo ama la sua specie.

Dettagli

Generi Scienza e Tecnica » Biologia

Editore Booksprint

Formato Ebook con Adobe DRM

Pubblicato 30/06/2015

Lingua Italiano

EAN-13 9788869900877

0 recensioni dei lettori  media voto 0  su  5

Scrivi una recensione per "Riflessione evoluzionistica sull'immortalità dell'anima"

Riflessione evoluzionistica sull
 

Accedi o Registrati  per aggiungere una recensione

usa questo box per dare una valutazione all'articolo: leggi le linee guida
torna su Torna in cima