Mondadori Store

Trova Mondadori Store

Benvenuto
Accedi o registrati

lista preferiti

Per utilizzare la funzione prodotti desiderati devi accedere o registrarti

Vai al carrello
 prodotti nel carrello

Totale  articoli

0,00 € IVA Inclusa

Mentre la crisi chiude le fabbriche e gli enti pubblici, crea disoccupati, distrugge i residui dello Stato sociale e affama i nostri portafogli si resta spesso disorientati sia dal linguaggio volutamente astruso dei mass media e dei politici, sia dal girare a vuoto delle "proposte" via via avanzate: per ogni passo in avanti accennato, la risposta è sempre "dobbiamo trovare le risorse", come a dire che si deve prendere con una mano quel che si è restituito conl'altra. Un gioco al massacro.Così dal debito non si uscirà mai.Decisamente in controtendenza rispetto alla cripticità con cui si è soliti affrontare queste tematiche, il libro di Claudio Moffa utilizza il linguaggio più semplice possibile per analizzare due tabù che ci impediscono di "rompere la gabbia" dentro cui la crisi ci ha imprigionati: il signoraggio e il debito pubblico. Per affrontare questi due problemi occorre presa di coscienza e coraggio politico.Varie le possibilità: ri-nazionalizzare la Banca d'Italia, fondare una nuova Banca centrale di Stato incaricata di emettere banconote, affidare l'emissione monetaria direttamente alla Zecca di Stato, sotto il controllo del Tesoro.L'alternativa facile, invece, è quella di illudersi che in fondo le cose vadano bene così, continuando a far finta di non sapere.Soluzione "indolore" e veloce. Ma davvero non ci meritiamo qualcosa di più?L'autore: Claudio MoffaDocente universitario, giornalista professionista e notista di politica estera su testate di rilevanza nazionale e internazionale.Si è sempre distinto per il rigore metodologico dei suoi studi e per il coraggio con cui ha affrontato alcuni dogmi storici: la "parola magica" dell'autodecisione dei popoli (La questione nazionale dopo la decolonizzazione: per una rilettura del principio di autodecisione dei popoli, 1989); l'erronea marginalizzazione del capitale finanziario nel marxismo (Marx e il Canale di Suez, 1996), solo per citarne alcuni.

Dettagli

Generi Economia Diritto e Lavoro » Finanza e Contabilità » Finanza pubblica e fisco

Editore Gruppo Editoriale Macro

Formato Ebook con Adobe DRM

Pubblicato 05/12/2013

Lingua Italiano

EAN-13 9788865880647

0 recensioni dei lettori  media voto 0  su  5

Scrivi una recensione per "Rompere la Gabbia"

Rompere la Gabbia
 

Accedi o Registrati  per aggiungere una recensione

usa questo box per dare una valutazione all'articolo: leggi le linee guida
torna su Torna in cima