Mondadori Store

Trova Mondadori Store

Benvenuto
Accedi o registrati

lista preferiti

Per utilizzare la funzione prodotti desiderati devi accedere o registrarti

Vai al carrello
 prodotti nel carrello

Totale  articoli

0,00 € IVA Inclusa

Saggio sulla violenza
Saggio sulla violenza

Saggio sulla violenza

Wolfgang Sofsky
pubblicato da Einaudi

Prezzo online:
14,46
Prodotto acquistabile con Carta del Docente e 18App
Esaurito
Consegna gratis da 24€
Condividi
facebook tweet linkedin whatsapp
Esaurito
Consegna gratis da 24€
Condividi
facebook tweet linkedin whatsapp

Chi è abituato oggi a svalutare lo stato, provi a stare un mese senza di esso, a privarsi dei suoi apparati di forza, sorti anche per garantire la sicurezza dei beni e della vita dei cittadini. Se ha tuttavia frenato l'anarchia e l'arbitrio di individui e di gruppi, lo stato ha insieme annullato o ridotto veramente il tasso di violenza diffusa nella società?
La tesi di Sofsky è che, con il costituirsi dell'ordine civile, la violenza - necessaria perché gli uomini non sono spontaneamente socievoli e collaborativi - cambia soltanto forma. Esiste cioè una implicazione reciproca tra violenza e civiltà: l'una genera l'altra e si alimenta dell'altra, secondo la spirale continua di costrizione e ribellione, di disciplina e di volontà di sottrarsi a norme ed obblighi. Attraverso una penetrante e dettagliata fenomenologia della violenza e dei suoi strumenti, questo libro ne mostra l'inquietante e sistematica ubiquità. La ritroviamo così nelle armi, che ampliano il raggio di potenza e di intervento distruttivo del corpo; nella caccia e nello strazio della carne da macello (come nella Crocifissione di Francis Bacon, in cui Cristo è appeso per i piedi a un gancio, a testa in giù, come un animale); nella tortura, nelle esecuzioni, nei massacri e nelle battaglie, che mettono in evidenza non solo il lato oscuro delle istituzioni, ma anche il piacere latente in ciascuno di noi nell'assistere alla sofferenza degli altri o nel praticarla (giacché, "da sempre gli uomini distruggono e uccidono volentieri").
Una visione fosca, sulla linea di un realismo cha va da Hobbes a Freud, quella presentata qui al lettore. Con un pregio notevole: quello di aprire gli occhi sull'orrore che ancora ci circonda e che la democrazia, come regime "mite", ci induce spesso a dimenticare.
(Remo Bodei)

Dettagli

Generi Politica e Società » Problemi e Processi sociali » Violenza nella società

Editore Einaudi

Collana Saggi

Formato Libro

Pubblicato 01/01/1998

Pagine 195

Lingua Italiano

Titolo Originale Traktat uber die Gewalt

Lingua Originale Tedesco

Isbn o codice id 9788806145880

Traduttore Barbara Trapani  -  Luca Lamberti

torna su Torna in cima