Mondadori Store

Trova Mondadori Store

Benvenuto
Accedi o registrati

lista preferiti

Per utilizzare la funzione prodotti desiderati devi accedere o registrarti

Vai al carrello
 prodotti nel carrello

Totale  articoli

0,00 € IVA Inclusa

Sei sempre stato qui

by Eugenio Gardella
pubblicato da Frassinelli

Prezzo online:
13,50
18,00
-25 %
18,00
Disponibile.
27 punti carta PAYBACK
Prodotto acquistabile con Carta del Docente e 18App

"Non è mica detto che un figlio arrivi subito." In effetti no, per Roberta ed Eugenio, una coppia normale, una coppia come ce ne sono milioni, il figlio, la figlia che desiderano non arriva subito. Anzi, sembra non voler arrivare mai. Più volte nel ventre di Roberta qualcosa inizia ad accadere, ma nessuna gravidanza prosegue. Eugenio e Roberta provano con l'inseminazione artificiale, ma non funziona nemmeno quella. I mesi e gli anni passano e l'attesa si fa intollerabile, come se uno stesso giorno ripiegato su se stesso si ripetesse all'infinito, un giorno di figli desiderati, sfiorati, e poi perduti. L'esplorazione interminabile dell'incertezza li conduce al limite, come singoli individui e come coppia, ma li fa anche evolvere, ed Eugenio e Roberta, in un gesto di resilienza e di libertà, non si arrendono. Decidono di affidarsi al mare imprevedibile dell'adozione, di affrontare le pratiche, i colloqui, la burocrazia. Decidono di esercitare e guarire le loro anime per trovare la forza di prendere un ultimo respiro prima del tuffo. Decidono di affidarsi a un sogno che li porterà altrove nel mondo. Questo romanzo è la storia di una paternità desiderata, cercata, sofferta. Una vicenda individuale che grazie alla forza della letteratura diventa universale, una singola voce, voce di un uomo, voce di un padre, che si fa coro di una moltitudine di donne e di uomini, della loro volontà di essere famiglia, di donarsi, di amare.

Dettagli

Generi Romanzi e Letterature » Romanzi italiani

Editore Frassinelli

Formato Rilegato

Pubblicato 20/09/2016

Pagine 254

Lingua Italiano

Isbn o codice id 9788888320977

2 recensioni dei lettori  media voto 5  su  5
Scrivi una recensione
5 star
1
4 star
1
3 star
0
2 star
0
1 star
0
Sei sempre stato qui gin23gin

gin23gin - 05/12/2016 12:35

voto 4 su 5 4

CAPACE DI EMOZIONARE Di questo libro ho apprezzato molto la capacità di trattare temi difficili di cui si parla raramente, quasi fossero un tabù, come quello dellaborto spontaneo e della difficoltà ad avere figli quindi il tema delladozione e del suo difficile e lungo percorso. Ma questi non sono i soli temi affrontati in questa autobiografia dove si ritrova anche il racconto di un uomo che deve fare i conti con dei problemi fisici che gli impediscono di seguire la sua grande passione, quella dellarrampicata. Davanti alle difficoltà che la vita ci presenta la scala delle priorità si trasforma e si ritrovano le vere cose importanti che sono lamore per il partner e per i figli e lamicizia e attraverso queste si riesce a ridare un senso (anche più grande) alla propria vita. Il libro riesce ad emozionare e ti porta a leggerlo dun fiato rischiando persino di perdere qualche descrizione davvero intensa e poetica dellautore.

Sei sempre stato qui giadacampus

giadacampus - 05/12/2016 11:34

voto 5 su 5 5

Il romanzo di Eugenio Gardella è un dialogo intimo, scorrevole, dosato sapientemente nelle parti più emozionali. Il tema è privato, preciso, profondo. Leggere Sei sempre stato qui è stata una rincorsa alla parola successiva, unimmersione in piena regola tra le pagine di un romanzo dai temi forti, intriso di gioia e sofferenza, di scelte e di rinunce, di speranza e di riscatto. La genitorialità è un tema importante che tocca più o meno tutti da vicino, che coinvolge appieno anche chi decide di non fare la scelta della vita. E un romanzo che stimola i tasti giusti, quelli dellemozione, che brucia la pelle, portandone via uno strato. Forse perché quel futuro di speranze, come scrive lautore, non lascia liberi: incastra. Gardella ha scelto di inserire nel suo testo i dialoghi essenziali, di non sprecare parole, di utilizzare quelle del suo dialogo interiore. Penso che sia stata una scelta piuttosto spontanea e che, con tutta probabilità, abbia rispettato lesigenza di introspezione e quella di dialogo, sempre presente tra autore e personaggio. Ho trovato il romanzo un monologo interessante che lascia spazio alla riflessione congiunta tra autore e lettore, potente e accattivante quando descrive la rabbia e quando la esprime. Il lettore si sente chiamato in causa, partecipe, colpevole, assolto. Il romanzo è delicato, proprio come il bambino magico che descrive. Lo consiglio.

Accedi o Registrati  per aggiungere una recensione

usa questo box per dare una valutazione all'articolo: leggi le linee guida
torna su Torna in cima