Mondadori Store

Trova Mondadori Store

Benvenuto
Accedi o registrati

lista preferiti

Per utilizzare la funzione prodotti desiderati devi accedere o registrarti

Vai al carrello
 prodotti nel carrello

Totale  articoli

0,00 € IVA Inclusa

Stoner è il racconto della vita di un uomo tra gli anni Dieci e gli anni Cinquanta del Novecento: William Stoner, figlio di contadini, che si affranca quasi suo malgrado dal destino di massacrante lavoro nei campi che lo attende, coltiva la passione per gli studi letterari e diventa docente universitario. Si sposa, ha una figlia, affronta varie vicissitudini professionali e sentimentali, si ammala, muore. È un eroe della normalità che negli ingranaggi di una vita minima riesce ad attingere il senso del lavoro, dell'amore, della passione che dà forma a un'esistenza.

Dettagli

Generi Romanzi e Letterature » Romanzi contemporanei » Classici

Editore Fazi

Formato Ebook con Adobe DRM

Pubblicato 28/05/2012

Lingua Italiano

EAN-13 9788864116433

1 recensioni dei lettori  media voto 5  su  5
Scrivi una recensione
5 star
1
4 star
0
3 star
0
2 star
0
1 star
0
Stoner mousemouse

MAURIZIO RICCI - 23/10/2013 17:30

voto 5 su 5 5

Un libro di bellezza amara ed elegante, con un gioiello finale di alta letteratura: la narrazione della morte di William Stoner, in prima persona fino alla dissolvenza impersonale. Ci si arrabbia molto leggendolo, chiedendosi come si possa vivere una vita intera censurando i propri sentimenti, rinunciando a difendersi, e in definitiva esponendosi al dolore e alla crudeltà. "Par délicatesse j'ai perdu ma vie" ha scritto Rimbaud, ma richiamandosi a ben altra esperienza di vita. Stoner vive in aderenza ad una sua visione che non comprendiamo appieno, arretrando il nostro confine dell'etica quando il troppo è troppo. Ma non siamo poeti, nè viviamo nel rigoroso Missouri degli anni venti del secolo scorso. Oggi contro i soprusi del perfido Lomax ricorreremmo al Tar. e forse non lasceremmo perdersi nella nebbia il solo amore della nostra vita, la splendida e innamoratissima Katherine. Ma alcune cose dei personaggi ci vengono taciute da John Williams: bene arguisce Peter Cameron nella postfazione che nella vita dei personaggi corollari, a partire dalle moglie Edith, così stupida, potrebbero nascondersi dei segreti che possiamo intuire ma non conoscere. E' così nella vita reale, così è nel romanzo. Tutto troverà equilibrio, persino il rapporto surreale di Stoner ed Edith, nella serena pace del congedo. La quinta stellina è dovuta, per la prosa perfetta e perchè non avete mai letto nulla che somigli a questo lungo racconto.

Accedi o Registrati  per aggiungere una recensione

usa questo box per dare una valutazione all'articolo: leggi le linee guida
torna su Torna in cima