Mondadori Store

Trova Mondadori Store

Benvenuto
Accedi o registrati

lista preferiti

Per utilizzare la funzione prodotti desiderati devi accedere o registrarti

Vai al carrello
 prodotti nel carrello

Totale  articoli

0,00 € IVA Inclusa

Le vite di Matteo, Gianni, Giulia, Anna, Fabio, Andrea e Renata detta Rena sono tutte vite segnate. Fin dall'infanzia, con traumi profondi che scuotono l'anima oppure vanno a interrarsi in certe zone segrete della coscienza. La giovinezza ha poi aggiunto il suo carico di turbamenti, di rivolte, di affermazioni di sé. Sembrerebbe che gli anni della prima maturità possano portare un inizio di pacificazione, se non altro perché le esistenze sembrano incanalate nei loro binari borghesi e le coppie si sono stabilizzate, ma non è così. Non è affatto così; anzi, è proprio il contrario: l'età matura è il momento giusto perché i nodi vengano al pettine, gli elementi psichici si combinino apposta per precipitare, per esplodere come una miscela temibile con la quale un alchimista abbia giocato troppo a lungo e con troppa fortuna. Un sabato, con gli amici è un romanzo anomalo, in cui si sente fortissima la voce del Camilleri uomo di teatro. La si sente nelle clausole immediate, nel disegno rigoroso della trama, nella geometria delle relazioni tra i personaggi, nelle battute perfettamente calibrate per efficacia e verosimiglianza, nelle cadenze stilizzate del tipico dramma contemporaneo: morboso, implacabile, assurdo.

Dettagli

Generi Romanzi e Letterature » Romanzi contemporanei

Editore Mondadori

Formato Ebook con Adobe DRM

Pubblicato 07/10/2010

Lingua Italiano

EAN-13 9788852012617

1 recensioni dei lettori  media voto 1  su  5
Scrivi una recensione
5 star
0
4 star
0
3 star
0
2 star
0
1 star
1
Un sabato, con gli amici pino.chisari

Pino Chisari - 20/05/2013 20:13

voto 1 su 5 1

Che questo sia un lavoro di Camilleri, io non ci credo. Manca una vera trama (quella che c'è è semplicemente banale e scontata), i personaggi sono stereotipi assoluti, senza spessore e/o vita, la tecnica narrativa lontana anni luce da quella del Camilleri che conosco. Di lui manca del tutto l'ironia con cui sempre guarda le sue creature e la sottigliezza psicologica. Mettiamola così: se Camilleri ha scritto questa storia, allora è un vero Jackill/Hyde. Sia per la incredibile capacità di stravolgere il suo stile, sia per la povertà letteraria di questo suo alter ego.

Accedi o Registrati  per aggiungere una recensione

usa questo box per dare una valutazione all'articolo: leggi le linee guida
torna su Torna in cima