Mondadori Store

Trova Mondadori Store

Benvenuto
Accedi o registrati

lista preferiti

Per utilizzare la funzione prodotti desiderati devi accedere o registrarti

Vai al carrello
 prodotti nel carrello

Totale  articoli

0,00 € IVA Inclusa

«Una noia mortale». Il tema del doppio nella letteratura italiana del Novecento
«Una noia mortale». Il tema del doppio nella letteratura italiana del Novecento

«Una noia mortale». Il tema del doppio nella letteratura italiana del Novecento

by Beatrice Laghezza
pubblicato da Felici

12,75
15,00
-15 %
15,00
Disponibile.
26 punti carta PAYBACK
Aggiungi al carrello
Consegna gratuita con spesa totale superiore a 24€
facebook tweet linkedin google whatsapp
Aggiungi al carrello
Consegna gratuita con spesa totale superiore a 24€
facebook tweet linkedin google whatsapp

Questo libro ripercorre la storia letteraria del Novecento italiano da una prospettiva tematica e indaga attraverso alcuni testi considerati esemplari una figura, quella del Doppelganger, che a detta di Vladimir Nabokov è stata a tal punto oggetto di riscritture e rielaborazioni da diventare nella letteratura del ventesimo secolo "di una noia mortale". In termini più o meno consapevoli gli autori presenti nel volume, Pirandello, Papini, Savinio, Malerba, Pasolini, Morante, Eco e Nove, chiedono al lettore di individuare le strategie di rivisitazione del doppio e lo invitano a identificare i mutamenti intervenuti nella ricezione del tema.

Dettagli

Generi Romanzi e Letterature » Storia e Critica letteraria » Letteratura dal 1900

Editore Felici

Collana Studi italianistici

Formato Brossura

Pubblicato 05/12/2012

Pagine 410

Lingua Italiano

Isbn o codice id 9788860196101

0 recensioni dei lettori  media voto 0  su  5

Scrivi una recensione per "«Una noia mortale». Il tema del doppio nella letteratura italiana del Novecento"

«Una noia mortale». Il tema del doppio nella letteratura italiana del Novecento
 

Accedi o Registrati  per aggiungere una recensione

usa questo box per dare una valutazione all'articolo: leggi le linee guida
torna su Torna in cima