Mondadori Store

Trova Mondadori Store

Benvenuto
Accedi o registrati

lista preferiti

Per utilizzare la funzione prodotti desiderati devi accedere o registrarti

Vai al carrello
 prodotti nel carrello

Totale  articoli

0,00 € IVA Inclusa

Venere in metrò
Venere in metrò

Venere in metrò

by Giuseppe Culicchia
pubblicato da Mondadori

17,00
Prodotto acquistabile con Carta del Docente e 18App
Esaurito
Consegna gratuita con spesa totale superiore a 24€
facebook tweet linkedin whatsapp
Esaurito
Consegna gratuita con spesa totale superiore a 24€
facebook tweet linkedin whatsapp

Gaia, 38 anni, porta la taglia 38, vive nel centro di Milano e in equilibrio perfetto sul suo tacco dodici si muove disinvolta tra sfilate e locali alla moda: del resto ha un marito che le garantisce una grande agiatezza, un amante il cui profilo su Facebook dice sempre "innamorato", una figlia che va alla scuola steineriana, due amiche di nome Ilaria e Solaria, un iPhone, un iPod, un iPad e una psicanalista che a ogni seduta pronuncia queste parole: "Sono trecento euro". Madre in carriera, può vantare l'invenzione dell'apericena, rito che ha ormai contagiato l'intera penisola, e la soddisfazione di non avere fatto mancare nulla alla figlia Elettra senza per questo trascurare il lavoro. Nessuna sbavatura, insomma. Eppure il passato bussa, implacabile, nel sonno. Un incubo ricorrente, che sembra voler riportare a galla qualcosa... Prima o poi Gaia dovrà decidersi a parlare di suo padre. E dei suoi tre anni di black-out. Anche perché a un tratto nel suo presente si è aperta una piccola crepa, destinata ad allargarsi come la tela di un ragno e a mandare in pezzi le sue sicurezze: il licenziamento dall'agenzia di comunicazione dove lavora, un'impasse sentimentale inattesa, la carta di credito bloccata, Elettra che lancia segnali di un disagio sempre più ineludibile...

La nostra recensione

Come dice la psicanalista a Gaia al termine di una seduta (da 300 euro!), anche le lancette di un orologio fermo due volte al giorno segnano l'ora esatta; e anche una donna ferma, vacua, superficiale, finta come la protagonista all'inizio di questa storia può trovare a un certo punto un equilibrio insperato e risorse insospettabili. In questo impietoso, sarcastico e un po' grottesco ritratto della classe dirigente italiana del Duemila, il possibile riscatto si paga a caro prezzo.
E' quello che accade a Gaia, amara allegoria di un mondo sull'orlo di una crisi d'identità che rischia di farsi irreversibile. E le marcate forzature stilistiche a cui ricorre Giuseppe Culicchia (l'amica di Gaia che si esprime come Christian De Sica in Sapore di mare, i lunghi elenchi di marchi del lusso ripetuti ossessivamente, l'uso smodato di SMS e Facebook e blog...) creano un'atmosfera di assurdità così evidente ed esasperata da rendere ancora più spietata la satira nei confronti di questo spicchio di società italiana.
Uno dei meriti di Culicchia è proprio questo: un narrare frenetico e compulsivo, capace di spiazzare il lettore per poi calarlo, quando meno se l'aspetta, in profondità, sotto lo strato di apparente superficialità che sta descrivendo. Un romanzo semplice, quindi, solo in apparenza, perché si legge come se fosse un volo radente, ma quando si atterra lo si fa sempre in emergenza.
Antonio Strepparola

Dettagli

Generi Romanzi e Letterature » Romanzi italiani

Editore Mondadori

Collana Scrittori italiani e stranieri

Formato Brossura

Pubblicato 18/09/2012

Pagine 255

Lingua Italiano

Isbn o codice id 9788804616184

torna su Torna in cima