Mondadori Store

Trova Mondadori Store

Benvenuto
Accedi o registrati

lista preferiti

Per utilizzare la funzione prodotti desiderati devi accedere o registrarti

Vai al carrello
 prodotti nel carrello

Totale  articoli

0,00 € IVA Inclusa

Zia Antonia sapeva di menta
Zia Antonia sapeva di menta

Zia Antonia sapeva di menta

Andrea Vitali
pubblicato da Garzanti Libri

Prezzo online:
13,90
Prodotto acquistabile con Carta del Docente e 18App
Esaurito
Consegna gratis da 24€
Condividi
facebook tweet linkedin whatsapp
Esaurito
Consegna gratis da 24€
Condividi
facebook tweet linkedin whatsapp

"Aglio, cipolle, rape, ravanelli e porri sono verdure indigeste che non diamo mai agli ospiti della casa!" Suor Speranza ne è sicura: nel minestrone che ha distribuito ai pazienti della Casa di Riposo di Bellano l'aglio non l'ha fatto mettere di sicuro. Allora come mai Ernesto Cervicati, entrando nella stanza di zia Antonia, ha sentito quell'odore, invece dell'aroma inconfondibile e fresco della menta? Ernesto conosce bene il rassicurante profumo delle mentine di cui è golosa la sua anziana parente. Certo meglio di suo fratello Antonio, che della zia non ha mai voluto saperne: gli interessava molto di più Augusta Peretti, una trentacinquenne ossigenata e vogliosa, nonché figlia di salumiere. Ernesto invece aveva accolto zia Antonia in casa sua e l'aveva accudita per tre anni, finché lei, un po' per non gravare troppo sul nipote, un po' per pudore, aveva deciso di trasferirsi all'ospizio. Quel sorprendente odore d'aglio è un piccolo enigma. Forse è l'indizio di qualcosa di più grave. A indagare, oltre a Ernesto e all'energica suor Speranza, si ritrova anche il dottor Fastelli, medico dal carattere gioviale ma di grande sensibilità. Intorno a questo profumato mistero, Andrea Vitali costruisce un romanzo carico di tenerezza, una di quelle storie che, come zia Antonia, ti accarezzano in un fresco abbraccio. Per poi regalarti, alla fine, una sorpresa.

La nostra recensione

Curiosi di saperne di più su questa storia abbiamo telefonato ad Andrea Vitali in persona. E lui ci ha svelato qualcuno dei misteri di Zia Antonia.
Vitali racconta "Zia Antonia sapeva di menta". "L'idea di scrivere questo libro è nata da due esperienze personali. La frequentazione di una casa di riposo un po' di anni fa come medico di alcune delle ospiti, negli anni in cui gli istituti di ricovero per gli anziani erano di competenza delle asl e non tutti gli ospiti avevano il loro medico all'esterno. In quegli anni, la casa di riposo, all'interno del microcosmo di un piccolo paese, era a sua volta un micro mondo con le sue regole e i suoi personaggi che appartenevano solo a quel mondo lì, come la madre superiore, le suore cuciniere e quelle che si occupavano della lavanderia. Persino con i suoi profumi e odori. Un ambiente che mi ha affascinato da subito e nel quale ero certo che si potesse ambientare un racconto, che si è completato in termini di indizi reali quando, per errore, ho ricevuto l'estratto conto di un mio omonimo. Che ho aperto, fidandomi del nome e cognome stampigliati sulla busta, ma che non poteva essere mio, vista l'entità del deposito. Erano i primi anni di lavoro e non possedevo quella cifra, non enorme ma discreta. Questi due fatti sono rimasti a mezz'aria per un po' e un bel giorno è scattata l'idea di trasferire in una realtà fantastica queste due molle reali. Con un po' di quotidiano artigianato narrativo è nato il romanzo."
Zia Antonia, romanzo senza tempo. "Gli altri romanzi erano molto caratterizzati dal punto di vista storico-epocale, dove si trovano citazioni precise di fatti storici che inducono il lettore a inquadrare il periodo del romanzo. Questa storia invece mi piaceva mantenerla in un cornice che si intuisce essere appunto di quegli anni lì, ma non appesantirla con dei riferimenti troppo precisi al costume e ai fatti di cronaca dell'epoca. Mi importava mantenere la storia agile, svelta e dare solo qua e là degli indizi temporali."
La madre superiore. "Sicuramente nel personaggio della madre superiore, ho ricalcato su certi aspetti della madre superiore di allora. Una donna che emanava un fascino di montagna, e sulla quale indebitamente ho sempre speculato immaginando per lei una gioventù passata a spaccare legna, fare fieno, nella quale poi si è innestata la vocazione religiosa. Una donna con un'educazione spartana che le è servita a condurre in modo militaresco, ma bonario, l'ospizio. E' sicuramente lei il personaggio, tra tutti gli altri, che ho elaborato di più."
L'umorismo di Andrea Vitali. "Nei miei romanzi l'umorismo ha lo stesso ruolo che ha nella vita reale. L'ironia e l'autoironia soprattutto, quindi il non prendersi troppo sul serio, non cedere mai a certe vanità, mantenere il profilo basso e i piedi costantemente per terra, possono essere il viatico attraverso il quale puoi fare passare delle cose che non sono sostanzialmente ironiche e divertenti."
Vecchietti e zitelle. "Ho spesso utilizzato nelle mie storie le figure di vecchietti arzilli, lucidi nonostante gli acciacchi dell'età. Nella mia esperienza quotidiana ho a che fare con questi vecchietti che mantengono una mente vivace, leggono il giornale e sono informati. Anche nei confronti delle zitelle, altra categoria alla quale faccio spesso riferimento nei miei romanzi, ho un atteggiamento positivo e diverso dallo stereotipo letterario tradizionale."
La colonna sonora ideale per leggere Zia Antonia. "Le canzoni di Caterina Caselli che, nell'unico anno che ho fatto il collegio, in V elementare, sentivo a tutto volume provenire da un juke-box di un bar vicino. Ricordo Insieme a te non ci sto più, che ha cantato diversi anni dopo anche Battiato. E ora che ci penso anche Impressioni di settembre della PFM."

Dettagli

Generi Romanzi e Letterature » Romanzi italiani

Editore Garzanti Libri

Collana Narratori moderni

Formato Rilegato

Pubblicato 16/11/2011

Pagine 147

Lingua Italiano

Isbn o codice id 9788811683919

torna su Torna in cima