Mondadori Store

Trova Mondadori Store

Benvenuto
Accedi o registrati

lista preferiti

Per utilizzare la funzione prodotti desiderati devi accedere o registrarti

Vai al carrello
 prodotti nel carrello

Totale  articoli

0,00 € IVA Inclusa

Le avventure di Huckleberry Finn

by Mark Twain
pubblicato da Feltrinelli

7,22
8,50
-15 %
8,50
Disponibilità immediata.
14 punti carta PAYBACK
Prodotto acquistabile con Carta del Docente e 18App
Aggiungi al carrello
Consegna gratuita con spesa totale superiore a 24€
facebook tweet linkedin whatsapp
Aggiungi al carrello
Consegna gratuita con spesa totale superiore a 24€
facebook tweet linkedin whatsapp

"La storia di Huck e della sua fuga in zattera lungo il Mississippi con il negro Jim, fino al ricongiungimento col compagno di scorrerie Tom Sawyer negli ultimi capitoli di un libro che nacque come proseguimento del precedente Le avventure di Tom Sawyer, era tra le preferite di Ernest Hemingway, che citava sempre Mark Twain tra i suoi autori fondamentali: e non a caso, naturalmente, visto che fin dai suoi esordi anche l'autore di Fiesta lavorò molto duramente per riuscire a ricreare sulla pagina la lingua della strada, cosa per cui venne assai criticato. Molti, tra cui Joyce Carol Oates, considerano Le avventure di Huckleberry Finn 'Il Grande Romanzo Americano'. Altri, come T.S. Eliot, lo considerano l'unico vero capolavoro di Mark Twain. Di sicuro Le avventure di Huckleberry Finn è un romanzo-mondo, scritto superbamente, e divertentissimo. Huck Finn, in quanto ribelle adolescente refrattario a qualsiasi forma di autorità e di imposizione, sta all'origine di Holden Caulfield e di tutti i ribelli adolescenti della letteratura nordamericana. E il fiume Mississippi [...] è al tempo stesso uno dei protagonisti principali del libro e una metafora. Ma la storia di Huck Finn [...] è anche una grande satira sulla democrazia americana e sugli americani, in genere timorati di Dio ma sempre felici di impiccare un negro." (dall'Introduzione di Giuseppe Culicchia)

Dettagli

Generi Romanzi e Letterature » Classici stranieri

Editore Feltrinelli

Collana Universale economica. I classici

Formato Tascabile

Pubblicato 04/06/2013

Pagine 285

Lingua Italiano

Titolo Originale The Adventures of Huckleberry Finn

Lingua Originale Inglese

Isbn o codice id 9788807900518

Curatore G. Culicchia

1 recensioni dei lettori  media voto 3  su  5
Scrivi una recensione
5 star
0
4 star
0
3 star
1
2 star
0
1 star
0
Le avventure di Huckleberry Finn librisenzagloria

Libri Senza Gloria Blog Pop Nerd - 28/11/2018 22:16

voto 3 su 5 3

Sono andato, sono ancora qui, Huckleberry Finn cantavano i Baustelle in San Francesco (I Mistici dellOccidente, 2010). La fortuna di questo scaltro orfano di madre (ma con padre ubriacone e manesco) è tale da avere ispirato canzoni (anche Nick Cave), musical (addirittura a firma di Stephen Sommers), cartoni animati (gli instancabili Hanna-Barbera) e diversi film (uno dei quali con Buster Keaton nella parte del domatore di leoni). Eppure la fortuna di Huckleberry Finn è derivata da quella di un romanzo ancora precedente e dal titolo simile: Le avventure di Tom Sawyer, il primo romanzo per ragazzi dellUniverso Condiviso Tom Sawyer. Prima della Marvel e della DC, ci aveva già pensato Samuel Langhorn Clemens al secolo Mark Twain (pseudonimo proveniente dal gergo fluviale per segnalare la profondità marina di due segni). Huckleberry Finn compare per la prima volta in questo romanzo del 1876, ed è chiamato Huck dagli amici, proprio come lo è laltrettanto scapestrato Tom Sawyer. Huck avrà il suo romanzo nel 1884, al quale faranno ancora seguito i meno conosciuti Tom Sawyer Detective e Tom Sawyer Abroad. Così, se le furbesche peripezie di Tom Sawyer erano raccontate da Mark Twain, ne Le avventure di Huckleberry Finn il giovanissimo protagonista ruba la penna allo scrittore e conduce il gioco. La trama è ambientata nei primi anni dell800 in una immaginaria cittadina del Missouri chiamata St. Petersburg. La storia parte qualche tempo dopo la conclusione del primo romanzo: grazie al tesoro ritrovato nel finale da Huck insieme a Tom, in questo epilogo apprendiamo che Huck non è più orfano. I soldi sono in banca, e a prendersi cura di lui ci sono lamorevole vedova Douglas e il paterno giudice Thatcher. Solo che Huck non è fatto per le buone maniere, ci si mettano anche i severi modi dellarcigna Miss Watson (sorella zitella della vedova Douglas), perciò tenta di evadere da questi forzati sistemi di civilizzazione nei suoi confronti. La prima fuga è compromessa dalliniziativa del suo compagno davventura Tom Sawyer, ora a capo di una gang di bambini, il quale lo fa presto rientrare nei ranghi delle convenzioni sociali (sotto il tetto della vedova). La seconda fuga di Huck si rivela un successo, ma non scappa dalla vedova, bensì dal suo (alcolizzato) padre naturale. Pur di ottenere la custodia del figlio e quindi i soldi in banca, il razzista e violento Pap Fin rapisce Huck e lo ingabbia in una baita fra i boschi del Mississippi. Huck inscena la propria morte e trova un nuovo compagno di scorribande nellennesimo fuggiasco: il simpatico schiavo negro Jim. Lui è fuggito da Miss Watson e ora è ingiustamente accusato dellomicidio di Huckleberry Finn. Questi si rimorde la coscienza a trattare Jim come fosse un bianco, ma verso la fine appurerà come nonostante il colore della pelle egli sia bianco dentro. La caratterizzazione che Mark Twain fa del buon negro è in effetti molto stereotipata, anche se gli illuminati spiragli di morale nella razionalità sudista di Huck fanno intravedere come anche lo scrittore si sia rimorso la coscienza. Viene difficile rivedere oggi in questo novello Venerdì (ammaliato e terrorizzato da rituali, magia e streghe) un antenato della famiglia Lyon di Empire: la serie tv che più di tutte incarna la contemporanea rivalsa black. A essere sinceri, però, il vero buon selvaggio è stavolta il novello Robinson Crusoe. Huck e Jim hanno un piano: risalire di notte il fiume sino agli Stati dove la schiavitù sta per essere abolita in modo tale che Jim possa realizzare il suo sogno di diventare un uomo libero. DallIllinois al Kentucky, la piratesca avventura della coppia procede attraverso la nebbia e lo speronamento di battelli, compresa lavventura sulla zattera che nella prima pubblicazione leditore volle tagliare perché il volume non superasse in lunghezza quello già dedicato a Tom Sawyer...

Accedi o Registrati  per aggiungere una recensione

usa questo box per dare una valutazione all'articolo: leggi le linee guida
torna su Torna in cima