Mondadori Store

Trova Mondadori Store

Benvenuto
Accedi o registrati

lista preferiti

Per utilizzare la funzione prodotti desiderati devi accedere o registrarti

Vai al carrello
 prodotti nel carrello

Totale  articoli

0,00 € IVA Inclusa

A un anno, una nuova famiglia. A sei anni e mezzo, il primo viaggio con la sua vera mamma. A soli quattordici anni ha già cambiato tre volte nome. È l'incredibile storia (e ci teniamo a sottolineare: vera) di Julian, un bambino polacco di famiglia ebrea e comunista, nato nel 1929 e passato indenne attraverso la guerra. D'altra parte il suo stesso concepimento è avvenuto all'insegna dell'improbabilità: il suo diritto al mondo fu messo ai voti durante una riunione del partito comunista, per decidere se fosse "saggio" per una militante clandestina affrontare la maternità in quelle condizioni. Poi la Francia che lo accoglie e la guerra, mentre la madre -attivista politica- si nasconde dalle autorità. Ma agli occhi di Julian ogni cosa è un'avventura, piena di amici e di cose per cui vale la pena stupirsi. In uno dei momenti più bui dell'Europa, un bambino tiene accesa la fiaccola della speranza, dell'amore e dell'innocenza, con gioia e infinita tenerezza. Chiudendo questo libro non potrete fare a meno di sorridere e di chiedervi: "chissà se un giorno anch'io potrò mai parlare la lingua dei cani".

Dettagli

0 recensioni dei lettori  media voto 0  su  5

Scrivi una recensione per "Il bambino che parlava la lingua dei cani"

Il bambino che parlava la lingua dei cani
 

Accedi o Registrati  per aggiungere una recensione

usa questo box per dare una valutazione all'articolo: leggi le linee guida
torna su Torna in cima