Mondadori Store

Trova Mondadori Store

Benvenuto
Accedi o registrati

lista preferiti

Per utilizzare la funzione prodotti desiderati devi accedere o registrarti

Vai al carrello
 prodotti nel carrello

Totale  articoli

0,00 € IVA Inclusa

La città «messa a fuoco». Territorio, società e lavoro nella fotografia della città metropolitana di Milano
La città «messa a fuoco». Territorio, società e lavoro nella fotografia della città metropolitana di Milano

La città «messa a fuoco». Territorio, società e lavoro nella fotografia della città metropolitana di Milano


pubblicato da Mimesis

17,00
20,00
-15 %
20,00
Disponibile.
34 punti carta PAYBACK
Aggiungi al carrello
Consegna gratuita con spesa totale superiore a 24€
facebook tweet linkedin google whatsapp
Aggiungi al carrello
Consegna gratuita con spesa totale superiore a 24€
facebook tweet linkedin google whatsapp

Il volume nasce da un progetto di ricerca collettivo intitolato "La città messa a fuoco. Dinamiche spaziali e metamorfosi socio-economiche dell'area metropolitana milanese (1950-1970) nelle collezioni fotografi che della Fondazione Isec". Tale progetto si è posto l'obiettivo di evidenziare come la ri-affermazione socio-economica e territoriale della Lombardia negli anni del "miracolo economico" si sia manifestata nell'area metropolitana milanese con particolare intensità e complessità. Nel breve arco di tempo considerato quest'area ha infatti dovuto ricombinare l'eredità multisecolare delle sue funzioni metropolitane con le opportunità di una crescita economica nuova per caratteristiche e intensità e con le inedite forme di mobilità sociale e spaziale a essa connesse. L'intento del progetto è stato inoltre quello di lavorare sulla valorizzazione di un particolare patrimonio culturale e sul recupero della memoria delle trasformazioni avvenute nell'ambito dell'area metropolitana milanese e della Lombardia. Il progetto intendeva infatti concentrarsi sul patrimonio fotografico conservato dalla "Fondazione Istituto per la Storia dell'Età Contemporanea" (Isec) di Sesto San Giovanni. Nello specifico, su due fondi conservati dalla fondazione: il fondo che raccoglie parte dell'archivio fotografico della redazione milanese dell'«Unità» e il fondo Odoardo Fontanella, che raccoglie il materiale iconografico del giornale della federazione milanese del Partito comunista italiano «Voce comunista». In ultima analisi il testo evidenzia il coinvolgimento di ambiti disciplinari differenti ma tra loro complementari: la geografia urbana e gli urban studies in senso lato, la storia del lavoro e delle donne nella realtà urbana, la pratica e la storia della fotografia, gli studi letterari. Tutti "sguardi" che hanno parlato delle immagini, delle rappresentazioni, delle narrazioni, dei paesaggi e delle diverse forme di restituzione della città.

0 recensioni dei lettori  media voto 0  su  5

Scrivi una recensione per "La città «messa a fuoco». Territorio, società e lavoro nella fotografia della città metropolitana di Milano"

La città «messa a fuoco». Territorio, società e lavoro nella fotografia della città metropolitana di Milano
 

Accedi o Registrati  per aggiungere una recensione

usa questo box per dare una valutazione all'articolo: leggi le linee guida
torna su Torna in cima