Mondadori Store

Trova Mondadori Store

Benvenuto
Accedi o registrati

lista preferiti

Per utilizzare la funzione prodotti desiderati devi accedere o registrarti

Vai al carrello
 prodotti nel carrello

Totale  articoli

0,00 € IVA Inclusa

Il nostro bisogno di consolazione

Stig Dagerman
pubblicato da Iperborea

Prezzo online:
6,65
7,00
-5 %
7,00
Disponibile in 6-7 giorni. la disponibilità è espressa in giorni lavorativi e fa riferimento ad un singolo pezzo
13 punti carta PAYBACK
Prodotto acquistabile con Carta del Docente e 18App
Condividi
facebook tweet linkedin whatsapp
Condividi
facebook tweet linkedin whatsapp

Vero e proprio testamento spirituale di Dagerman, in cui traspaiono i motivi del silenzio dei suoi ultimi anni e del suicidio, Il nostro bisogno di consolazione è la dolorosa confessione di chi, intransigente fino all'assoluto, impossibilitato ad accettare i punti fermi della fede come del suo rifiuto ("il furore dello scettico" o "l'ardente innocenza dell'ateo") convinto "che la propria vita sia solo un vagare insensato verso una morte certa", cerca disperatamente una risposta all'inalienabile aspirazione alla felicità, alla libertà, a un'esistenza che abbia in sé la propria giustificazione.

Dettagli

Generi Romanzi e Letterature » Classici stranieri

Editore Iperborea

Formato Brossura

Pubblicato 01/01/1991

Pagine 48

Lingua Italiano

Isbn o codice id 9788870910216

Traduttore F. Ferrari

2 recensioni dei lettori  media voto 4  su  5
Scrivi una recensione
5 star
1
4 star
0
3 star
0
2 star
1
1 star
0
Il nostro bisogno di consolazione lampone110

-

voto 2 su 5 Mi ha deluso questo libretto con poche riflessioni tutte incentrate sulla consolazione; mi aspettavo qualcosa di più consistente.
Il nostro bisogno di consolazione

-

voto 5 su 5 Dagerman ci offre una raccolta di riflessioni. Una visione, quella estrapolata dai suoi occhi, tramutata poi in parole, a tratti satirica, a tratti tristemente realistica. E la realtà è difatti l'unico vero grande Male, da ella non si sfugge. Triste, deprimente e asfissiante al punto tale da trovare consolazione solamente nella morte. Dagerman muore suicida all'età di 31 anni. Il suo bisogno di consolazione non è stato ascoltato da nessuno se non dalla morte stessa (e da noi, giunti troppo tardi). Le sue care e amate parole, nelle quali confidava, non lo hanno aiutato. Ma possono aiutare noi, sono un monito dal quale trarne insegnamenti. «Dimenticatelo spesso».

Accedi o Registrati  per aggiungere una recensione

usa questo box per dare una valutazione all'articolo: leggi le linee guida
torna su Torna in cima