Mondadori Store

Trova Mondadori Store

Benvenuto
Accedi o registrati

lista preferiti

Per utilizzare la funzione prodotti desiderati devi accedere o registrarti

Vai al carrello
 prodotti nel carrello

Totale  articoli

0,00 € IVA Inclusa

La patria di riserva. L'emigrazione fascista in Argentina
La patria di riserva. L'emigrazione fascista in Argentina

La patria di riserva. L'emigrazione fascista in Argentina

by Federica Bertagna
pubblicato da Donzelli

21,16
24,90
-15 %
24,90
Disponibile.
42 punti carta PAYBACK
Aggiungi al carrello
Consegna gratuita con spesa totale superiore a 24€
facebook tweet linkedin google whatsapp
Aggiungi al carrello
Consegna gratuita con spesa totale superiore a 24€
facebook tweet linkedin google whatsapp

Ad aprire il libro è la ricostruzione del contesto di partenza che spinse personaggi di primo piano, da Carlo Scorza a Dino Grandi, e gerarchi condannati o compromessi con il regime a lasciare l'Italia. L'individuazione dei meccanismi e dei percorsi legali e illegali che resero possibili tali espatri portano alla luce verità finora molto trascurate; laddove infatti non intervenne l'amnistia a maglie larghissime del 1946, fu - sostiene l'autrice soprattutto la Chiesa cattolica a garantire protezione e appoggio a chi era costretto a partire. A completare il quadro è l'esame delle forme di inserimento e dell'attività politica e pubblicistica praticate dai neofascisti in seno alla collettività italiana in Argentina.

Dettagli

Generi Politica e Società » Problemi e Processi sociali » Migrazioni, immigrazione, emigrazione » Ideologie e Teorie politiche » Ideologie politiche » Nazionalismo

Editore Donzelli

Collana Saggi. Storia e scienze sociali

Formato Rilegato

Pubblicato 01/01/2006

Pagine 320

Lingua Italiano

Isbn o codice id 9788860360113

0 recensioni dei lettori  media voto 0  su  5

Scrivi una recensione per "La patria di riserva. L'emigrazione fascista in Argentina"

La patria di riserva. L
 

Accedi o Registrati  per aggiungere una recensione

usa questo box per dare una valutazione all'articolo: leggi le linee guida
torna su Torna in cima