Mondadori Store

Trova Mondadori Store

Benvenuto
Accedi o registrati

lista preferiti

Per utilizzare la funzione prodotti desiderati devi accedere o registrarti

Vai al carrello
 prodotti nel carrello

Totale  articoli

0,00 € IVA Inclusa

Anche se noi ci crediamo assolti... La manipolazione del consenso (e persino del... dissenso) che ci rende complici dell'oppressore. Il caso Palestina
Anche se noi ci crediamo assolti... La manipolazione del consenso (e persino del... dissenso) che ci rende complici dell'oppressore. Il caso Palestina

Anche se noi ci crediamo assolti... La manipolazione del consenso (e persino del... dissenso) che ci rende complici dell'oppressore. Il caso Palestina

by Enrico Contenti
pubblicato da Zambon Editore

10,20
12,00
-15 %
12,00
Disponibile a partire dal 20/08/2018.
20 punti carta PAYBACK
Aggiungi al carrello
Consegna gratuita con spesa totale superiore a 24€
facebook tweet linkedin google whatsapp
Aggiungi al carrello
Consegna gratuita con spesa totale superiore a 24€
facebook tweet linkedin google whatsapp

Dettagli

Generi Politica e Società » Politica e Istituzioni » Propaganda, controllo politico e libertà

Editore Zambon Editore

Collana Universale di base

Formato Brossura

Pubblicato 10/09/2014

Pagine 336

Lingua Italiano

Isbn o codice id 9788898582129

1 recensioni dei lettori  media voto 5  su  5
Scrivi una recensione
5 star
1
4 star
0
3 star
0
2 star
0
1 star
0
Anche se noi ci crediamo assolti... La manipolazione del consenso (e persino del... dissenso) che ci rende complici dell'oppressore. Il caso Palestina enrico3ec

enrico3ec - 25/11/2014 20:24

voto 5 su 5 5

Privato della possibilità di immaginare il suo futuro prossimo e del senso di appartenenza al gruppo sociale, il comune cittadino, senza più riferimenti, impegnato in una lotta solitaria per una sopravvivenza dignitosa, si trasforma in facile preda del potere attraverso la manipolazione dellinformazione e la rappresentazione di una realtà spacciata per obiettiva e inconfutabile. Persino la storia può essere riscritta e i carnefici possono diventare le vittime. Impoveriti nellattitudine al pensiero critico e ricattati dal sistema economico globale, non ci sentiamo più parte attiva della comunità e ci riduciamo ad essere semplici individui, ormai indifferenti ai drammi e ai conflitti che ci circondano. Il nostro silenzio, però, è un tacito consenso. Il caso della Palestina è emblematico. La storia del dramma di quella terra è stata negata e stravolta. Da decenni, abdicando al suo ruolo, la cosiddetta comunità internazionale si è resa complice, se non parte attiva, dei crimini commessi. Chi ne ha riscritto la storia? E chi sono i complici?

Accedi o Registrati  per aggiungere una recensione

usa questo box per dare una valutazione all'articolo: leggi le linee guida
torna su Torna in cima