Mondadori Store

Trova Mondadori Store

Benvenuto
Accedi o registrati

lista preferiti

Per utilizzare la funzione prodotti desiderati devi accedere o registrarti

Vai al carrello
 prodotti nel carrello

Totale  articoli

0,00 € IVA Inclusa

L'uomo che sapeva troppo. Alan Turing e l'invenzione del computer. Ediz. illustrata
L'uomo che sapeva troppo. Alan Turing e l'invenzione del computer. Ediz. illustrata

L'uomo che sapeva troppo. Alan Turing e l'invenzione del computer. Ediz. illustrata

by David Leavitt
pubblicato da Codice

19,00
Prodotto acquistabile con Carta del Docente e 18App
Esaurito
Consegna gratuita con spesa totale superiore a 24€
facebook tweet linkedin whatsapp
Esaurito
Consegna gratuita con spesa totale superiore a 24€
facebook tweet linkedin whatsapp

Pensatore sregolato e rivoluzionario, matematico geniale in grado di violare durante la Seconda guerra mondiale il famigerato codice Enigma, utilizzato dalla Germania nazista; soprattutto profeta dell'intelligenza artificiale, da lui teorizzata già negli anni Trenta quando non era stato ancora creato il primo computer. Ma anche uomo insicuro, solitario e tormentato, etichettato come soggetto pericoloso per la sicurezza dello Stato proprio a causa del suo contributo durante la guerra, poi arrestato e processato con l'accusa di aver commesso atti osceni con un altro uomo. Fino al tragico epilogo del suicidio, per alcuni avvenuto in circostanze misteriose e poco chiare, a soli 41 anni. Difficile, insomma, non restare affascinati dalla figura di Alan Turing. Difficile, a maggior ragione, se a raccontarne la storia straordinaria è David Leavitt, indiscusso maestro della letteratura americana.

Dettagli

Generi Scienza e Tecnica » Scienziati , Storia e Biografie » Biografie Diari e Memorie » Scienziati, tecnologi e ingegneri , Informatica e Web » Linguaggi e Applicazioni » Scienza dei calcolatori

Editore Codice

Collana Le grandi scoperte

Formato Brossura

Pubblicato 13/06/2012

Pagine 247

Lingua Italiano

Isbn o codice id 9788875783105

Traduttore C. Sargian

torna su Torna in cima