Mondadori Store

Trova Mondadori Store

Benvenuto
Accedi o registrati

lista preferiti

Per utilizzare la funzione prodotti desiderati devi accedere o registrarti

Vai al carrello
 prodotti nel carrello

Totale  articoli

0,00 € IVA Inclusa

Se lavori in proprio sai che è meglio non ammalarsi perché ogni giorno a letto con la febbre è un giorno in meno di fatturato e son dolori (non solo articolari!). Se lavori in proprio e programmi di avere un figlio, forse pensi di farti un fondo bebè, perché la maternità/paternità, come la si intende comunemente, è più mitica di un unicorno.
Sicuro?
Il welfare esiste, è tra di noi e ne parla Samanta Boni in Il welfare per freelance non è una leggenda metropolitana. Cavarsela con l'INPS in caso di malattia, maternità e altri diritti.
Ebbene sì, da oggi puoi finalmente prendere quella tanto agognata tracheite senza battere ciglio! Scherzi a parte: le tutele ci sono e questo preziosissimo manuale spiega quali e come ottenerle.
E lo fa con una chiarezza disarmante, indispensabile visto che l'INPS spesso parla in aramaico antico con influenze di esperanto.
Samanta ci accompagna per mano nei meandri del portale INPS e spiega passo passo, in modo chiaro e corredato da moltissimi screenshot delle varie schermate, come fare richiesta per un'indennità di malattia (domiciliare o in ospedale), come richiedere il congedo di maternità e quello parentale, cosa possono fare i papà freelance, come agire in caso di adozione o di gravidanza particolare e, infine, come ottenere gli assegni al nucleo famigliare (ANF).
Inoltre, tantissime risposte a domande attanaglianti come: avrò diritto davvero a questi soldi? Quanto potrei realisticamente prendere? Da quanto devo essere in proprio per usufruire di questi aiuti? Devo smettere di lavorare in maternità? Come si chiede il saldo di quanto mi spetta? Come si compilano le varie richieste? Cos'è il PIN dispositivo?
Un manuale che più pratico non si può, chiaro, preciso, puntuale, attuale ed estremamente utile per far valere i diritti dei freelance e ottenere supporto.
Samanta, poi, sa di cosa parla: è membro del consiglio direttivo di ACTA, l'associazione dei freelance, che da anni si adopera per aiutare i freelance a tutelare i propri diritti e a interfacciarsi senza troppa paura con l'INPS.
Un manuale prezioso per tutti i freelance iscritti alla Gestione Separata che vogliono sapere come agire in caso di malattia e/o maternità e vogliono far valere i propri diritti.

0 recensioni dei lettori  media voto 0  su  5

Scrivi una recensione per "Il welfare per freelance non è una leggenda metropolitana"

Il welfare per freelance non è una leggenda metropolitana
 

Accedi o Registrati  per aggiungere una recensione

usa questo box per dare una valutazione all'articolo: leggi le linee guida
torna su Torna in cima