Mondadori Store

Trova Mondadori Store

Benvenuto
Accedi o registrati

lista preferiti

Per utilizzare la funzione prodotti desiderati devi accedere o registrarti

Vai al carrello
 prodotti nel carrello

Totale  articoli

0,00 € IVA Inclusa

Apologia del diavolo
Apologia del diavolo

Apologia del diavolo

by Giovanni B. Erhard - Giovanni Beniamino Erhard
pubblicato da Rubbettino

8,78
10,33
-15 %
10,33
Disponibile.
18 punti carta PAYBACK
Aggiungi al carrello
Consegna gratuita con spesa totale superiore a 24€
facebook tweet linkedin google whatsapp
Aggiungi al carrello
Consegna gratuita con spesa totale superiore a 24€
facebook tweet linkedin google whatsapp

Descrizione

Nel 1943 Benedetto Croce, incuriosito da un titolo inquietante, cerca, in tempi difficili, di procurarsi in Germania un testo poco frequentato dalla critica filosofica. Dopo aver letto "l'Apologia del diavolo", il filosofo ritiene che valga la pena di tradurne il testo. Nella postfazione esprime, però, una certa delusione per il contenuto dell' "Apologie des Teuféls", pubblicato da Johann Benjamin Erhard nel 1795 presso il "Phi1osophisches Journal einer Gesel1schafì Theuscher Gelehrten". Per Erhard - come del resto per Kant - il desiderio di un bene individuale, che in quanto tale viene perseguito, è qualcosa di meramente egoistico, è, cioè, il male. Croce critica la filosofia di Erhard che 'contrappone la natura, estranea e riluttante, allo spirito, arcigno e duro verso gli affètti e i moti nalurali e le passioni, schivo di contatti con essi, inteso asceticamente ad attuare il dovere per il dovere come un soldato, che non conosca e non senta altro che la cieca obbedienza al comando del suo caporale'. Sono, quelle di Croce, parole che, almeno nel loro significato di denuncia dell'astratezza della dicotomia fra 'bene e male' - dicotomia difesa, invece, da Erhard in nome anche di Kant - potrebbero essere state scritte nel contesto della revisione attuale del kantismo. Il Satana che, per Croce, simboleggia la 'fòrza vitale' che si concilia con la 'spiritualità', che è 'amore, poesia, lavoro, scienza, spontaneità', progresso, non è il male ma rappresenta, piuttosto, il bene concepito 'nella sua interezza, pienezza e concretezza', in quanto è ciò che l'individuo ama e a cui aspira, ciò che dà senso e significato alla sua vita.

Dettagli

Generi Psicologia e Filosofia » Filosofia: Specifiche aree » Etica e filosofia morale

Editore Rubbettino

Collana La politica

Formato Libro

Pubblicato 01/01/2001

Pagine 112

Lingua Italiano

Isbn o codice id 9788849801125

Traduttore Benedetto Croce

Curatore V. Gessa Kurotschka  -  R. Viti Cavaliere

0 recensioni dei lettori  media voto 0  su  5

Scrivi una recensione per "Apologia del diavolo"

Apologia del diavolo
 

Accedi o Registrati  per aggiungere una recensione

usa questo box per dare una valutazione all'articolo: leggi le linee guida
torna su Torna in cima