Mondadori Store

Trova Mondadori Store

Benvenuto
Accedi o registrati

lista preferiti

Per utilizzare la funzione prodotti desiderati devi accedere o registrarti

Vai al carrello
 prodotti nel carrello

Totale  articoli

0,00 € IVA Inclusa

Buonanotte, signor Lenin
Buonanotte, signor Lenin

Buonanotte, signor Lenin

by Tiziano Terzani
pubblicato da Longanesi

15,81
18,60
-15 %
18,60
Disponibile - Attenzione!! Consegna a rischio per Natale.
32 punti carta PAYBACK
Aggiungi al carrello
Consegna gratuita con spesa totale superiore a 24€
facebook tweet linkedin google whatsapp
Aggiungi al carrello
Consegna gratuita con spesa totale superiore a 24€
facebook tweet linkedin google whatsapp

Nell'agosto 1991, Tiziano Terzani - che già nel febbraio precedente ha potuto visitare le isole Curili e Sachalin, estremo avamposto dell'Unione Sovietica - inizia, come membro di una straordinaria spedizione sovietico-cinese, un lungo viaggio sul fiume Amur per osservare da vicino la situazione del paese nelle sue zone asiatiche più periferiche. La notizia del golpe anti-Gorbacev a Mosca, appena rimbalzata in quelle remote latitudini, lo induce tuttavia a intraprendere subito, e questa volta da solo, il lungo percorso in aereo e in automobile che, attraverso la Siberia, l'Asia Centrale e il Caucaso, lo condurrà in due mesi sino alla capitale. L'esperienza, come è facile intendere, è eccezionale per la sua completezza e la sua complessità, nonché per il particolare momento in cui si svolge: il crollo del comunismo, il definitivo fallimento del socialismo reale, lo svilupparsi dell'opposizione, i primi passi verso l'autonomia delle varie repubbliche, le pericolose spinte ai nazionalismi e la rinascita dell'Islam. Il tutto in un ribollire di umanità pittoresca e ingegnosa, di delusioni e di nuove utopie, di speculazioni e di personalismi. Sotto i nostri occhi - anche con l'ausilio di una cinquantina di fotografie scattate dall'autore - sfilano individui e genti (kazakhi, kirghisi, uzbeki, tagiki, turkmeni, azeri, georgiani, armeni, ma anche ebrei o oriundi tedeschi), città mitiche come Samarcanda o Bukhara con i loro monumenti secolari e le più varie tracce delle civiltà originarie, palazzi e stamberghe, aereoporti e caravanserragli, e ovunque il vecchio e il nuovo - quale vecchio? quale nuovo? - si confondono o tendono ancora una volta a separarsi. Ci si apre così uno straordinario panorama, che può leggersi anche come guida alle nuove repubbliche, ormai meta di uomini d'affari e di turisti un pò più avventurosi del solito. Variegato nella diversità delle esperienze e degli approcci, unificato attraverso le conoscenze, le competenze, lo spirito d'osservazione e critico dell'autore, il libro ha un altro motivo conduttore: la figura di Lenin, che ispira il titolo. Di tappa in tappa, Terzani è infatti testimone dell'abbattimento delle sue statue e non a caso il viaggio si conclude con una visita al mausoleo sulla Piazza Rossa in cui la salma del padre dell'URSS è tuttora conservata. Di fronte a questo simbolo ricorrente, due sentimenti si fanno strada nell'autore: la sorpresa al pensiero che l'Occidente abbia avuto paura di un simile gigante dai piedi d'argilla e la rabbia nei confronti dei viaggiatori che l'hanno preceduto, senza mai raccontare "quanto fosse povera, squallida, disorganizzata questa Unione Sovietica e come disperata e misera vivesse la sua gente".

0 recensioni dei lettori  media voto 0  su  5

Scrivi una recensione per "Buonanotte, signor Lenin"

Buonanotte, signor Lenin
 

Accedi o Registrati  per aggiungere una recensione

usa questo box per dare una valutazione all'articolo: leggi le linee guida
torna su Torna in cima