Mondadori Store

Trova Mondadori Store

Benvenuto
Accedi o registrati

lista preferiti

Per utilizzare la funzione prodotti desiderati devi accedere o registrarti

Vai al carrello
 prodotti nel carrello

Totale  articoli

0,00 € IVA Inclusa

Caro Michele

by Natalia Ginzburg
pubblicato da Einaudi

9,35
11,00
-15 %
3x2 su migliaia di libri
11,00
3x2 su migliaia di libri
Disponibilità immediata - pochi pezzi a magazzino.
19 punti carta PAYBACK
Aggiungi al carrello
Consegna gratuita con spesa totale superiore a 24€
facebook tweet linkedin google whatsapp
Aggiungi al carrello
Consegna gratuita con spesa totale superiore a 24€
facebook tweet linkedin google whatsapp

"Caro Michele": il piú classico degli incipit epistolari è quello che Natalia Ginzburg sceglie come titolo del suo romanzo. Una madre già avanti negli anni ma ancora giovane e un figlio lontano fisicamente e ancor piú (e soprattutto) distante nelle idee, nelle esigenze, negli affetti e nei dolori. Un figlio per il quale la madre prova rancore, ma dal quale non riesce a staccarsi; e l'ultimo, irrescindibile cordone ombelicale è fatto di sole lettere. Sorta di "Lessico famigliare" dieci anni dopo, "Caro Michele" è un romanzo dai personaggi dispersi, divisi dall'incomunicabilità e destinati alla solitudine, e la scelta del genere epistolare suona provocatoria e simbolica. Con la cronologia della vita e delle opere, la bibliografia essenziale e l'antologia della critica.

Dettagli

Generi Romanzi e Letterature » Romanzi italiani

Editore Einaudi

Collana Einaudi tascabili. Scrittori

Formato Tascabile

Pubblicato 01/01/2006

Pagine 192

Lingua Italiano

Isbn o codice id 9788806179618

1 recensioni dei lettori  media voto 5  su  5
Scrivi una recensione
5 star
1
4 star
0
3 star
0
2 star
0
1 star
0
Caro Michele

rmatteuc - 10/05/2007 12:14

voto 5 su 5 5

Con una serie di epistole scritte da persone diverse ci viene raccontato la vita di Michele. Michele è il figlio di una famiglia borghese, con genitori separati ed una madre presente, molto desiderosa di condividere i suoi problemi di donna. Michele cerca invece una separazione, costruendosi una propria vita, con delle amicizie particolari, come Oliviero, chiaramente innamorato di lui. Michele cerca cerca di staccarsi e lo porta fino a Leeds dove incontra una donna che sposa. Una donna in difficoltà, con le sue problematiche che forse sposa più per ribellione che per amore. Il matrimonio dura pochissimo e porterà a Michele fino Bruges dove sarà vittima della repressione della polizia durante una manifestazione. Siamo in Italia, anni 70, in una famiglia borghese, che perde la dimensione della propria esistenza. E' un susseguirsi di frustrazioni, delusioni e fallimenti che circonda questa famiglia. Forse è anche la fine della famiglia come la vediamo noi. Michele cerca la sua di "famiglia" ma non riesce neppure lui a costruirla, vittima e carnefice di uno smarrimento morale e culturale che sembra distruggere tutto e tutti. E' la classica famiglia borghese, all'alienazione del vivere ed il forte malessere che ha per tanto tempo caratterizzato la nostra società. Cosa rimane alla famiglia? Forse solo la memoria della madre. 'Ma non si amano soltanto le memorie felici. A un certo punto della vita, ci si accorge che si amano le memorie.' (pag. 40) La memoria ci da la forza di andare avanti, la memoria è importante perché ci fa sentire vivi. Forse con la memoria santifichiamo il nostro passato perché non abbiamo più futuro, futuro che ci spaventa, il futuro ci rende nulli. Questo vale per le generazioni passati, i giovani non hanno neppure quello : 'I ragazzi oggi non hanno memoria, e soprattutto non la coltivano, e tu sai che anche Michele non aveva memoria, o meglio non si piegava mai a respirarla e coltivarla.' (pag. 155). Poveri giovani che futuro hanno senza memoria? Il vuoto o la morte. Ho l'angoscia di chi rimane.

Accedi o Registrati  per aggiungere una recensione

usa questo box per dare una valutazione all'articolo: leggi le linee guida
torna su Torna in cima