Mondadori Store

Trova Mondadori Store

Benvenuto
Accedi o registrati

lista preferiti

Per utilizzare la funzione prodotti desiderati devi accedere o registrarti

Vai al carrello
 prodotti nel carrello

Totale  articoli

0,00 € IVA Inclusa

Gentiluomini e canaglie. L'identità maschile tra Ottocento e Novecento
Gentiluomini e canaglie. L'identità maschile tra Ottocento e Novecento

Gentiluomini e canaglie. L'identità maschile tra Ottocento e Novecento

by Angus McLaren
pubblicato da Carocci

12,24
14,40
-15 %
14,40
Disponibile.
24 punti carta PAYBACK
Aggiungi al carrello
Consegna gratuita con spesa totale superiore a 24€
facebook tweet linkedin google whatsapp
Aggiungi al carrello
Consegna gratuita con spesa totale superiore a 24€
facebook tweet linkedin google whatsapp

Descrizione

Tra la fine dell'Ottocento e l'inizio del nostro secolo, si diffuse nell'opinione pubblica una sorte di panico morale. La "società sana" cominciò ad avvertire il pericolo dei devianti di sesso maschile, dagli "anormali" che non potevano più essere trattati come criminali comuni e che venivano condannati a pene persino più severe di quelle riservate ai peggiori assassini. Atti processuali, giornali popolari, trattati di criminologia e casi clinici costituiscono il corpus di fonti che consente all'autore di ricostruire per contrasto, tramite la sanzione sociale e il caso abnorme, il consolidarsi dell'immagine "sana" e tradizionale di maschio eterosessuale in un periodo cruciale della storia contemporanea.

Dettagli

Generi Politica e Società » Studi di Genere e gruppi sociali » Uomini

Editore Carocci

Collana Quality Paperbacks

Formato Brossura

Pubblicato 01/01/2004

Pagine 260

Lingua Italiano

Isbn o codice id 9788843032129

Traduttore M. Mascarino  -  G. C. Brioschi

0 recensioni dei lettori  media voto 0  su  5

Scrivi una recensione per "Gentiluomini e canaglie. L'identità maschile tra Ottocento e Novecento"

Gentiluomini e canaglie. L
 

Accedi o Registrati  per aggiungere una recensione

usa questo box per dare una valutazione all'articolo: leggi le linee guida
torna su Torna in cima