Mondadori Store

Trova Mondadori Store

Benvenuto
Accedi o registrati

lista preferiti

Per utilizzare la funzione prodotti desiderati devi accedere o registrarti

Vai al carrello
 prodotti nel carrello

Totale  articoli

0,00 € IVA Inclusa

Il mio inverno a Zerolandia

by Paola Predicatori
pubblicato da Rizzoli

Prezzo:
16,50 14,02
Risparmio:
2,48 -15 %
In promo:
Centinaia di film 3x2
mondadori card 28 punti carta PAYBACK
Disponibile.
Consegna gratuita con spesa totale superiore a 24 €.
Ordina ora per riceverlo venerdì 31 marzo.  (Scopri come).

Descrizione

Alessandra ha diciassette anni quando la sua mamma muore dopo una lunga malattia. Rimasta sola con la nonna, torna a scuola decisa a respingere le attenzioni dei compagni che sente estranei, impegnata com'è nella manutenzione del suo dolore. Per questo cambia banco e prende posto vicino a Gabriele detto Zero, la nullità della classe: desidera solo essere ignorata dagli altri, come succede a lui. Ma Zero è più interessante di quanto sembra. Ha una gran passione e un vero talento per il disegno; nella sua apparente noncuranza è attento e sensibile; è lui a soccorrere Ale sbucando inaspettato al suo fianco quando lei ha bisogno di aiuto. Piano piano un sentimento indefinibile prende forma tra le pareti della classe e la spiaggia d'inverno, grigi fondali di una storia semplice e complicata insieme: perché Alessandra è tanto lucida nel rivisitare il ricordo della madre quanto confusa nel prendere le misure di se stessa e di ciò che prova. E Gabriele è abilissimo a sparire proprio quando lei scopre di volerlo vicino. E la voce di Ale, ruvida nel dare conto del presente, dolcissima nell'evocare il passato, a raccontarci la storia di una perdita, una storia di scuola, una goffa, incerta storia d'amore. "Il mio inverno a Zerolandia" è tutto questo. E dimostra che la somma di due zeri non è zero, ma molto, molto di più.

La nostra recensione

La recensione di Mondolibri:
Il mio inverno a Zerolandia di Paola Predicatori: il riscatto dei numeri Zero Un esordio letterario che sorprende per la lucida delicatezza con cui scandaglia il fondo cieco dell'adolescenza. Se provassimo a raccontare a un adolescente per sommi capi la trama di questo romanzo, la reazione più probabile sarebbe: "Be', è proprio la storia di due sfigati!". E partiamo proprio da qui, dagli occhi e dal cuore di quell'adolescente (che tutti noi siamo stati) per parlare di questo romanzo d'esordio di Paola Predicatori, quarantenne che sa raccontare gli adolescenti - a nostro modesto e personalissimo parere - in modo molto più vero e "adolescente" di tanto celebrati autori ventenni e trentenni (non se ne abbiano a male Giordano e D'Avenia che pure hanno scritto romanzi intensi e articolati sul mondo dell'adolescenza). Il nostro adolescente, però, se non si fermasse alla superficie di una traccia minima e andasse in profondità nella lettura del libro, riconoscerebbe anche quel freddo, quel ghiaccio nel cuore che, a quell'età fantastica e complicata, è sempre sul punto di sciogliersi per lasciare il posto a ondate di calore e di nuovi sentimenti. Alessandra, dopo la morte della giovane madre, il primo giorno dell'ultimo anno di scuola decide di staccarsi dal mondo di "prima", quello caldo dell'affetto materno, delle amiche e dei rituali necessari dell'adolescenza: ragazzi, vestiti, feste. Decide di stare al freddo, di nascondersi nella terra di nessuno e così si mette nel banco con il reietto della classe, Gabriele, che tutti chiamano Zero per rimarcarne con spietata durezza la neutra presenza. Vicino a questo ragazzo che, come lei ma da sempre, vive nel freddo e sopravvive a una famiglia disastrata, a un padre alcolizzato e violento, anche Alessandra, per anestetizzare il dolore che prova per la perdita della madre, entra in questo mondo dove ogni parola, ogni gesto, ogni sguardo rischiano di tornare indietro senza risposta. Così Alessandra per tutti diventa Zeta, un vuoto vicino a un altro vuoto, il ragazzo invisibile e la ragazza ombra. Ma quando sono due vuoti a scontrasi il silenzio si fa terribilmente rumoroso e l'apparente incomunicabilità, la reciproca indifferenza si trasforma come per incanto - l'incanto ingenuo dell'età della scoperta - in complicità, in affetto, per sfociare perfino in una sbilenca e complicata storia d'amore. Non c'è dramma senza amore nell'adolescenza e non c'è quasi mai amore senza dramma, come se fosse una sequenza già scritta nel nostro genoma con mutazioni e variazioni che tratteggiano però il mondo angoloso, spigoloso e sorpredente dell'adolescenza. Una sorta di universo parallelo per noi adulti che Paola Predicatori riesce a esplorare con sapiente lucidità, restituendoci tutta la solitudine e la complessità ma anche tutta la simpatia e la freschezza dei drammi adolescenziali. Sospesi su quest'incanto, di cui a fatica Alessandra e Gabriele riescono a impossessarsi, i due protagonisti procedono a tastoni nelle stanze buie di un amore ruvido che pretende il possesso esclusivo e che sa donare un abbandono esclusivo. In pagine ricche di dolore e speranza - quelle in cui Alessandra dialoga con l'assenza della madre, coi suoi oggetti, il suo volto, i suoi occhi e la sua malattia - alternate a capitoli intrisi della quotidiana consapevolezza di dover andare avanti, il romanzo si snoda lungo un percorso che trattiene il lettore per mano e lo accompagna a dare un'occhiata fugace e precisa a quel mondo adolescente che, ammettiamolo senza riserve, un po' tutti rimpiangiamo. Saranno i banchi di scuola, quell'aria di complicità e resistenza che si respira nele aule liceali; sarà l'afflato di stupore e meraviglia che a quell'età penetra e risplende in ogni gesto, in ogni parola e anche nel più pervicace silenzio; sarà il calore che senti quando stringi una mano per una via deserta di una città qualsiasi o lungo una grigia spiaggia invernale; e sarà anche la scopert

Dettagli

Generi Romanzi e Letterature » Romanzi italiani , Bambini e Ragazzi » Narrativa » Narrativa » 13-16 anni

Editore Rizzoli

Collana La Scala Italiani

Formato Rilegato

Pubblicato  10/01/2012

Pagine  239

Lingua Italiano

Isbn o codice id 9788817055345


3 recensioni dei lettori  media voto 4  su  5
Scrivi una recensione
5 star
2
4 star
0
3 star
0
2 star
0
1 star
1
Il mio inverno a Zerolandia ciaociaoarte

Anna Maria Petrarulo - 20/05/2013 16:41

voto 1 su 5 1

Libro davvero straordinario , dalla lettura scorrevole , in cui lo stile utilizzato è semplice , ma non scontato . Lo stesso discorso può essere fatto per la storia in generale : a prima vista potrebbe apparire come qualcosa già sentito , visto e rivisto , ma in realtà si tratta di una storia speciale nella sua semplicità . Da consigliare a tutti , specialmente agli adolescenti,a quelli che forse vedranno nei due protagonisti il loro riflesso , e non si sentiranno come dei poveri impacciati in balia degli eventi, ma dei ragazzi unici nel loro genere ...

Il mio inverno a Zerolandia

Anonimo - 04/03/2012 11:01

voto 5 su 5 5

Letto in un giorno, bellissimo, lettura consigliata a tutti gli adolescenti.

Il mio inverno a Zerolandia

Anonimo - 30/01/2012 08:04

voto 5 su 5 5

Divorato letteralmente. Bello, struggente.. Forse mi è apparso così "vero" perchè ha toccato corde del mio passato.

Accedi o Registrati  per aggiungere una recensione

usa questo box per dare una valutazione all'articolo: leggi le linee guida
torna su Torna in cima