Mondadori Store

Trova Mondadori Store

Benvenuto
Accedi o registrati

lista preferiti

Per utilizzare la funzione prodotti desiderati devi accedere o registrarti

Vai al carrello
 prodotti nel carrello

Totale  articoli

0,00 € IVA Inclusa

L'identità
L'identità

L'identità

by Milan Kundera
pubblicato da Adelphi

Prezzo:
11,00 8,25
Risparmio:
2,75 -25 %
mondadori card 16 punti carta PAYBACK
Disponibile.
Consegna gratuita con spesa totale superiore a 19 €.
Ordina ora per riceverlo mercoledì 25 gennaio.  (Scopri come).

Descrizione

Vi sono situazioni in cui per un istante non riconosciamo chi ci sta accanto, istanti in cui l'identità dell'altro si cancella mentre, di riflesso, dubitiamo della nostra. Kundera trasforma una percezione così segreta e sconcertante in materia romanzesca.

Dettagli

Generi Romanzi e Letterature » Romanzi stranieri

Editore Adelphi

Collana Gli Adelphi

Formato Tascabile

Pubblicato  01/01/2001

Pagine  176

Lingua Italiano

Titolo Originale L'identité

Lingua Originale Francese

Isbn o codice id 9788845916649


Traduttore E. Marchi

8 recensioni dei lettori  media voto 3  su  5
Scrivi una recensione
5 star
1
4 star
4
3 star
0
2 star
0
1 star
3
L'identità

max - 08/04/2006 11:28

voto 4 su 5 4

Pam cita e critica a Kundera queste frasi. ''Ma poi ci ha pensato su ed è arrivato alla conclusione che ogni donna misura il proprio grado di invecchiamento dall'interesse o dal disinteresse che gli uomini manifestano per il proprio corpo'' E poi, ''I soldi, però, non bastano a conquistare l'indipendenza. Aveva anche bisogno di un uomo''. Credo che sia uno sbaglio giudicare uno scrittore in base ai pensieri e alle credenze dei suoi personaggi, non è per niente scontato che siano le sue. Anzi, la diversità e la lontananza delle ideologie dei soggetti presenti nel libro, rispetto a quelle che l'autore riesce a comunicare nel modo in cui le descrive e le rappresenta, portano il lettore a un livello superiore, gli concedono una visione del mondo, della cultura, della società (ed esempio, nel libro, le riflessioni sul conformismo) in una prospettiva assai più ampia di quella che abbiamo quotidianamente in quanto troppo immersi nella propria soggettività. Maggiore è questa diversità di idee, più ampio è il punto di vista del lettore, più affascinante diventa il libro. Bella la costante ''metamorfosi'' della storia, che pagina dopo pagina, delicatamente e senza accorgersene, porta il lettore da una situazione vera a una verosimile, da reale a onirico... Omaggi, Max

L'identità

Anonimo - 09/04/2005 12:18

voto 4 su 5 4

''Ma poi ci ha pensato su ed è arrivato alla conclusione che ogni donna misura il proprio grado di invecchiamento dall'interesse o dal disinteresse che gli uomini manifestano per il proprio corpo'' ''I soldi, però, non bastano a conquistare l'indipendenza. Aveva anche bisogno di un uomo''( o di una donna aggiungo io) e' chiaro che per chi pensa di vivere in una societa' emancipata questi concetti risultino anacronistici e diano fastidio:chi guarda con occhio emancipato la societa' invece deve ammettere che e' ancora tutto cosi'. libro assolutamente da leggere un saluto roberto

L'identità

Anonimo - 08/01/2004 16:01

voto 4 su 5 4

mi stupisco nel leggere così tante critiche negative! A me il libro è piaciuto molto e mi ha fatto riflettere profondamente su aspetti della vita che animano quotidianamente i miei dubbi e le mie paure. La fine forse pare un po' scontata, ma fortunatamente un libro non è solo trama!! Michela

L'identità

Anonimo - 16/11/2002 15:05

voto 1 su 5 1

Se questo è un bravo scrittore presto comincerò anch'io a scrivere. Mah.

L'identità

Anonimo - 04/11/2002 15:03

voto 4 su 5 4

Nessuno ormai dice qualcosa che non è mai stato detto e chi ci prova lo fa con sperimentalismi fini a sé stessi. Kundera ne è esente. Anche se brutti i suoi libri si fanno sempre seguire fino in fondo, anche se deludenti, qualcosa di essi si piazza indelebile nel ricordo. Quella di questo romanzo è una bella e complicata storia d'amore, talvolta bizzarra, che non piacerà sicuramente a chi non piace Kundera, ma sarà una piacevole lettura per chi di questo autore, a cui finiranno per dare il Nobel (a meno di preferire sempre autori sconosciutissimi che rimarranno poi tali), ha già letto anche un solo libro.

L'identità

Anonimo - 07/05/2002 03:15

voto 1 su 5 1

Sono perfettamente d'accordo con Pam: codesto libro è un'indecenza, un canovaccio assurdo di luoghi comuni e retaggi culturali pericolosi. Un dizionario dell'ipocrisia, presuntuoso e volgare tanto nella storia quanto nei contenuti. Non narra nulla che non sia già stato narrato mille e mille volte da altri autori mediocri quanto lui e le sue perifrasi sono di una presunzione imbarazzante. Quanto alle sue analisi filofreudiane, beh, che dire? Sta all'intelligenza del lettore capire fino a che punto stia scopiazzando qua e là teorie che neanch'egli ha chiaro fino in fondo. Quanto al lettore che m'ha anticipato, il quale, sardonico, crede di capir tutto lui...(che anacronismo dire o si cambia la mentalità o si cambia lo scrittore! Ma insomma, si controlli.)...beh, Signore/a, ciò che lei generosamente attribuisce al Kundera (il saper nascondere) non è altro che la sua incapacità di fondo a permeare l'empatia dei suoi pseudo-personaggi...Certo che cambio autore. Ma le pare! Grazie. Andrea.

L'identità

Verdy - 05/04/2002 11:18

voto 5 su 5 5

HO LETTO TUTTI I LIBRI DI KUNDERA E SINCERAMENTE QUANDO VADO IN LIBRERIA SEPPURE COMPRO ANCHE ALTRI LIBRI NE CERCO SEMPRE,CON TREPIDAZIONE,UN SUO NUOVO. HO SEMPRE PENSATO CHE KUNDERA NON E' PER TUTTI...E CHE PER CAPIRLO BISOGNA CONOSCERE E CAPIRE IL SUO MODO DI VEDERE IL MONDO,LA GENTE,L'AMORE.IN NESSUN ALTRO AUTORE RITROVO LA CAPACITA'DI NASCONDERE SENTIMENTI ED EMOZIONI COMUNI A TUTTI IN STORIE CHE TALVOLTA POSSONO SEMBRARE ASSURDE. CHI LEGGE L'IDENTITA' SENZA TRASCENDERE DAL TESTO NON PUO' SENTIRE IL MONDO DI KUNDERA COME PROPRIO ED ESSENDO QUESTO L'UNICO MODO DI CAPIRE IL LIBRO ...HO LA SENSAZIONE CHE CHI NON CI ARRIVA NON LO CAPIRA' MAI..NE QUESTO..NE'GLI ALTRI SUOI LIBRI. IN QUESTO CASO..CAMBIATE AUTORE...O CAMBIATE MODO DI PENSARE...LA PRIMA E' PIU' PROBABILE..

L'identità

Anonimo - 13/03/2002 19:35

voto 1 su 5 1

Devo dire, Kundera non mi entusiasma. Accompagnato da un boato di acclamazione ed elogi per ''L'insostenibile leggerezza dell'esssere'', mi convinsi a leggerlo e lo trovai di lettura appena passabile perché non c'è niente in quel libro che non sia già stato detto. Ho deciso però di leggere un suo secondo libro, ''L'identità'',appunto. Mi è piaciuto molto poco. Non capisco perché Kundera debba proporre costantemente in quello che scrive analisi psicologiche-sociologiche un tantino scontate e a volte persino inverosimili e retoriche. Parte sempre dalla ''coppia'' per scrivere le sue analisi, e ha stancato,onestamente. Dovrebbe cercare altri spunti. E' noioso. Inoltre, tanto nell'insostenibile leggerezza dell'essere quanto ne l'identità il lettore non superficiale avrà notato quel suo continuo e disgustoso sciovinismo e maschilismo. Ne l'identità troviamo scritto: ''Ma poi ci ha pensato su ed è arrivato alla conclusione che ogni donna misura il proprio grado di invecchiamento dall'interesse o dal disinteresse che gli uomini manifestano per il proprio corpo''. Beh, questa affermazione non solo è squallidamente generica, maschilista, anacronistica; è anche e soprattutto falsa. Oppure mette in bocca a Chantal,la protagonista femminile,frasi che le donne, quelle vere, s'intende, non pensano affatto, tipo: ''I soldi, però, non bastano a conquistare l'indipendenza. Aveva anche bisogno di un uomo''. Anche questa è un'affermazione falsa, perché una donna può essere indipendente ed essere felice anche senza un uomo accanto. Qualcuno lo spieghi a Kundera, per favore. E questi sono solo due esempi. Lo stile descrittivo e narrativo, poi, lasciano alquanto a desiderare. E la storia nel complesso è snervante ed eccessivamente morbosa. Kundera e la sua insostenibile pesantezza...Lo sconsiglio assolutamente. Pam.

Recensioni successive...

    Accedi o Registrati  per aggiungere una recensione

    usa questo box per dare una valutazione all'articolo: leggi le linee guida
    torna su Torna in cima