Mondadori Store

Trova Mondadori Store

Benvenuto
Accedi o registrati

lista preferiti

Per utilizzare la funzione prodotti desiderati devi accedere o registrarti

Vai al carrello
 prodotti nel carrello

Totale  articoli

0,00 € IVA Inclusa

Lettere dalla prigionia
Lettere dalla prigionia

Lettere dalla prigionia

by Aldo Moro
pubblicato da Einaudi

11,47
13,50
-15 %
13,50
Disponibile.
23 punti carta PAYBACK
Aggiungi al carrello
Consegna gratuita con spesa totale superiore a 24€
facebook tweet linkedin google whatsapp
Aggiungi al carrello
Consegna gratuita con spesa totale superiore a 24€
facebook tweet linkedin google whatsapp

Nel 2008 saranno passati trent'anni dal rapimento di Aldo Moro. Il 16 marzo 1978 venne rapito dalle Br in via Fani, a Roma. Nei 55 giorni di prigionia scrisse numerosissime lettere, alcune delle quali furono secretate dal Parlamento dopo il primo processo. I politici italiani, nonché i giornalisti, si affannarono a dichiarare che le lettere erano prive di valore perché risultanti da una costrizione. Erano certo lettere criptiche, allusive, scritte da un uomo che vedeva progressivamente chiudersi gli spazi di ascolto. Miguel Gotor riordina cronologicamente l'intero carteggio, con alcune lettere mai prima d'ora pubblicate, e ne offre un'edizione critica cui applica il rigore interpretativo della filologia storiografica. Il risultato è un quadro impressionante dell'Italia di quegli anni, con un uomo prigioniero al culmine della sua carriera politica che giudica la nazione e i colleghi politici; senza ipotesi immaginifiche ma con una serie di informazioni suggestive e inquietanti.

1 recensioni dei lettori  media voto 5  su  5
Scrivi una recensione
5 star
1
4 star
0
3 star
0
2 star
0
1 star
0
Lettere dalla prigionia giuseppe.verardi123

Giuseppe Verardi - 30/05/2013 11:36

voto 5 su 5 5

Nella vasta e talvolta approssimativa pubblicistica sul caso Moro, le opere del Professor Gotor brillano per profondità e acutezza di analisi, coniugando brillantemente e sapientemente il rigore dello storico, la minuziosa ricerca e conoscenza delle fonti con una rimarchevole capacità di analisi dei testi. Gotor, attraverso una disamina tanto rigorosa quanto dettagliata degli scritti di Moro dalla prigione del popolo, delinea scenari assai più complessi della vulgata di tanti "esperti" del caso Moro, sostanzialmente basata sulla contrapposizione tra la "linea del rigore" dell'area di governo e un risicato "partito della trattativa", nel quale, oltre ovviamente ai familiari e agli amici del politico, si muoveva parte del PSI più alcuni battitori liberi. Corollario di ciò è il totale superamento, nell'opera in discussione, di quella stucchevole diatriba sull'ascrivibilità a Moro dei suoi stessi scritti dal carcere brigatista; è proprio questo, invero, uno dei meriti principali di quest'opera, nella misura in cui lo storico per la prima volta ci propone un canovaccio assai più complesso ed una chiave di lettura, anzi tante chiavi di lettura delle lettere del mio conterraneo che rendono giustizia all'immagine dello stesso, dimostrando come Moro, pur nei vincoli e tra le censure di una prigionia disumana, riesce a mandare messaggi e indicazioni a supporto della trattativa (perché è indubbio che trattativa vi fu e fu segreta, come è del tutto ragionevole in casi simili). L'opera inoltre, rivela in tutta la sua infamia la strategia comunicativa della brigate rosse, dimostrando come nella scelta di rendere pubbliche talune missive che Moro riteneva segrete e, in generale, nel controllo censorio esercitato sugli scritti del Presidente, abbia sostanzialmente contribuito all'esito tragico che tutti conosciamo. In sintesi, quest'opera va letta, a mio avviso, al contrario di come è scritta, ossia partendo dal saggio di Gotor che segue le lettere, quindi leggendo queste, una ad una, non tralasciando le note del curatore e infine, rileggendo e meditando il saggio di Gotor. Sono convinto che questo libro aiuti molto più di tanta paccottiglia pseudo-giudiziaria e giornalistica a comprendere il caso Moro, i suoi tempi e le persone che ne furono coinvolte, in primis la vittima.

Accedi o Registrati  per aggiungere una recensione

usa questo box per dare una valutazione all'articolo: leggi le linee guida
torna su Torna in cima