Mondadori Store

Trova Mondadori Store

Benvenuto
Accedi o registrati

lista preferiti

Per utilizzare la funzione prodotti desiderati devi accedere o registrarti

Vai al carrello
 prodotti nel carrello

Totale  articoli

0,00 € IVA Inclusa

Novecento ispanico
Novecento ispanico

Novecento ispanico

by Maria Caterina Ruta
pubblicato da Sellerio Editore Palermo

Prezzo:
14,00 11,90
Risparmio:
2,10 -15 %
mondadori card 24 punti carta PAYBACK
Disponibile.
Consegna gratuita con spesa totale superiore a 19 €.
Ordina ora per riceverlo giovedì 26 gennaio.  (Scopri come).

Descrizione

I saggi riuniti in questo volume testimoniano un interesse verso la produzione poetica spagnola del Novecento fino ai primi anni del Terzo millennio, interesse rimasto costante lungo il corso dell'attività scientifica di Maria Caterina Ruta. I poeti collegati ai movimenti dell'avanguardia storica europea che in Spagna sono riuniti sotto la definizione di "Generazione del '27", anno in cui si ricordò il quarto centenario della morte del poeta barocco Luis de' Gongora, sono stati la chiave di uno dei movimenti più importanti della produzione poetica iberica. Dalla sua capacità di coniugare modi espressivi innovativi con la lezione dei poeti dei Secoli d'Oro, furono esaltati i caratteri fondamentali di ogni possibile linguaggio poetico. Dalla riflessione dell'Autrice deriva un approccio ai testi attento al ritmo, alla musicalità, alla presenza o assenza di regolarità strofiche e metriche, alle figure retoriche. Con la nascita dell'era industriale si impose l'esigenza di una ricerca di immagini che restituirono il cambiamento sociale e tecnologico, realizzatosi nei primi decenni del nuovo secolo. I campi metaforici furono estesi a tutti gli ambiti del vissuto, annullando censure e esclusioni, accostando mondi prima molto lontani, allo scopo di creare un oggetto poetico nuovo, dotato di vita propria, non più riflesso mimetico della natura, ma prodotto originale della creatività umana. L'efficacia di questa lezione rimane attuale per tutto il XX secolo, anche se le alterne vicende storiche ridestarono periodicamente tensioni realistiche. La metafora non ritornerà più alle passate modalità, pur non ignorando la tradizione classica che, anzi , viene spesso rievocata tra le righe a conferma di un'eredità che, più che in altri momenti, si voleva ostentare. Il filo rosso che collega questi saggi è costituito dall'approccio stilistico-formale ai testi nell'intenzione di seguire un percorso di continuità nel cambiamento, assumendo come punto centrale la metafora. Il discorso prende avvio da Federico García Lorca, insieme a Gerardo Diego, autore sempre presente a vario titolo a testimonianza della costante attenzione dell'Autrice alla sua varia e apparentemente contraddittoria produzione. In filigrana appaiono Neruda, Huidobro, Alberti. Sono presi in esame anche altri autori, come Dionisio Ridruejo e Leopoldo de Luis, le cui opere segnano nuovi approdi di un linguaggio che, allontanandosi dalla stagione sperimentale, ma non dimenticandone gli insegnamenti, attraversa le strettoie culturali del regime franchista. Si arriva infine agli ultimi trent'anni del secolo, gli anni della democrazia e della normalizzazione, dell'apertura all'Europa e al resto del mondo, in cui poeti come Jorge Urrutia e Carlos Marza colgono le contraddizioni del presente e si affacciano al nuovo millennio alla ricerca del senso della condizione attuale.

Dettagli

0 recensioni dei lettori  media voto 0  su  5

Scrivi una recensione per "Novecento ispanico"

Novecento ispanico
 

Accedi o Registrati  per aggiungere una recensione

usa questo box per dare una valutazione all'articolo: leggi le linee guida
torna su Torna in cima